Lunedì, 3 Marzo 2014 - 08:00

Serie A: Milan-Juventus 0-2, gol e highlights. Video

I bianconeri espugnano San Siro e volano a +11 sulla Roma: decidono le reti di Llorente e Tevez




Guarda gli highlights di Milan-Juventus

Rivivi le emozioni di Milan-Juventus: cronaca, pagelle e tabellino

Nel big match della 26esima giornata di Serie A la Juventus batte il Milan a San Siro con il punteggio di 2-0 e spicca il volo verso il trentesimo scudetto: al Meazza decidono le reti di Llorente al 44' e Tevez al 68'. La squadra di Seedorf gioca un gran calcio nella prima frazione ma fallisce troppe occasioni; la Juve aspetta il momento giusto e poi colpisce, trovando la 22esima vittoria del campionato. Bianconeri a quota 69 (+ 11 dalla Roma), il Milan resta decimo a 35 punti.

Parte bene la Juve, che al 3' va per prima alla conclusione con l'esterno destro di Lichtsteiner a lato. Ma è il Milan a voler prendere in mano le redini del gioco, e i rossoneri col passare dei minuti iniziano ad impensierire Buffon con i tentativi di Kakà e Taarabt. Al 19' la Juve si ferma ad un passo dall'1-0 con la parata reattiva di Abbiati su Lichtsteiner, che da due passi dopo una serie di lisci in area rossonera non angola e consente al portiere il grande intervento. Poi, per venti minuti, c'è solo il Milan: al 26' Bonucci salva sulla linea un destro a giro di Kakà, che aveva visto il suo tiro precedente su assist illuminante di Taarabt respinto coi piedi da Buffon. Al 32' è Poli a fallire una ghiotta occasione sparando in curva col piatto sull'assist di Pazzini, e 11 giri d'orologio più tardi è ancora l'ex Sampdoria a calciare alto col destro un pallone respinto corto da Buffon sulla botta a giro di Kakà.

Il Milan spreca, la Juve no. Ad un minuto dalla fine della prima frazione Rami pasticcia e avvia l'azione di contropiede dei bianconeri, Tevez filtra per Lichtsteiner che arriva in fondo e mette dentro per il comodo tap-in vincente di Llorente. Nella ripresa la squadra di Seedorf prova a partire ancora col piede sull'acceleratore ma Buffon è bravo a dire di no due volte al 51': cross di Kakà sfiorato da Pazzini e buona respinta del portierone rossonero, poi Poli vicinissimo al pareggio con un colpo di testa di un filo a lato. Il centrocampista, in quest'occasione, si fa male per una testata con Caceres e lascia il campo a Saponara: il Milan ne risente e la spinta si esaurisce. E' Tevez a salire in cattedra e a piazzare al 68' il colpo del campione: gran botta di destro da 25 metri, palla sotto la traversa, Abbiati battuto e 15esimo centro in campionato per l'Apache, ora da solo in vetta alla classifica marcatori. Seedorf inserisce Honda e Robinho per Montolivo e Taarabt ma la tendenza non s'inverte e la squadra di Conte rischia di dilagare all'84' con la traversa di Pirlo su punizione e all'87' col destro sul palo di Pogba. Al 93' è Robinho a concludere la giornata storta degli attaccanti rossoneri sparando sulla traversa a due metri dalla porta di Buffon, su cross preciso di Abate. Finisce 2-0 in favore della Juventus, che vede il 30esimo scudetto.

Redazione Datasport
loSpettacolo.it - la tua guida tv
Segnalazioni e Consigli

Scrivi alla redazione

di Datasport