Tanti auguri Ringhio Gattuso, esempio di grinta e passione

2021-01-09 12:50:00
Tanti auguri Ringhio Gattuso, esempio di grinta e passione
Pubblicato il 9 gennaio 2021 alle 12:50:00
Categoria: Serie A
Autore: Dario Damiano

Compie oggi 43 anni uno degli sportivi più conosciuti e rispettati dello sport italiano, ex giocatore e colonna del Milan, ora allenatore del Napoli.


Il soprannome assegnato a Gattuso, "Ringhio", è certamente uno dei più calzanti tra i tanti nomignoli che vengono affibbiati ai calciatori. Esprime appieno tutta la grinta, la tenacia, la forza che aveva Rino quando era in campo, durante la partita affrontava gli avversari con tale veemenza che sembrava ringhiasse, e tutt'ora non si fa problemi a farsi sentire, guidando i suoi ragazzi dalla panchina. La carriera di uno dei migliori incontristi del calcio italiano nasce a Corigliano Calabro, provincia di Cosenza, dove Gattuso nasce il 9 gennaio 1978. Indirizzato subito al calcio, anche con l'influenza del padre Franco, arrivato fino alla Serie D, a dodici anni il giocatore entra nelle giovanili del Perugia, allora rampante negli anni '90 con il Presidente Gaucci. Con i grifoni fa ottime cose, vincendo due titoli Primavera di fila oltre ad esordire in Serie A, nel 1996. Nell'estate successiva subito un colpo di scena, il ragazzo decide di volare a Glasgow per giocare con i prestigiosi Rangers. L'esperienza durò un anno e la squadra perse il titolo per soli due punti, ma fu una grande palestra di vita per Gattuso, abituatosi fin da subito a un campionato tosto, oltretutto fu proprio a Glasgow, in Scozia, che conobbe la moglie, italiana come lui, ovviamente. Tornò in Serie A nel '98, con la maglia della Salernitana, allora neo-promossa e alla prima e unica esperienza in massima serie. Nonostante la bella stagione, soprattutto nel girone di ritorno, i campani vennero retrocessi, ma Gattuso si mise in mostra nel palcoscenico più importante, mostrando a tutti le sue grandi doti di corsa e recupero palla. Fu così che nell'estate del 1999 iniziò la sua avventura al Milan, la squadra con cui ancora adesso è identificato. I tifosi rossoneri lo amarono fin da subito, pur essendo un ragazzino, dava tutto in campo da vero gladiatore, non sottraendosi mai alla battaglia. I primi anni il Milan faticò ad ingranare, ma con l'arrivo di Ancelotti nel 2002 si aprì un lungo ciclo vincente, in cui Gattuso è stato assoluto protagonista.


Nel 2003 vinse la Champions League giocando tutta la storica finale con la Juventus, mentre l'anno successivo saltò solo una partita di campionato nella Serie A stravinta dal Milan, il suo primo Scudetto. Ebbe attimi di sconforto dopo la finale persa con il Liverpool a Istanbul, una partita che, come tanti milanisti che la giocarono, non riesce a spiegarsi ancora adesso. Ma si rifece presto: nel frattempo era diventato titolare inamovibile anche in Nazionale, e nell'estate 2006 giocò praticamente tutte le partite della Nazionale che diventò campione del mondo contro la Francia. Si rifece anche del Liverpool, vincendo la sua seconda Champions nel 2007, e continuò a giocare con buona costanza nei rossoneri fino al 2011, anno in cui segnò un gol fondamentale contro la Juventus. La stagione 11-12 fu la sua ultima al Milan, e anche la più sfortunata, dato che sviluppò i primi sintomi della miastenia, malattia all'occhio che lo tormenta ancora adesso. Lascia i rossoneri nel 2012 con 468 partite e 11 gol all'attivo, per chiudere la sua carriera al Sion, in Svizzera, l'anno successivo. Inizia la sua esperienza da allenatore proprio con gli elvetici, dopodiché si siede su panchine difficili: Palermo, dove Zamparini lo esonera dopo 6 giornate, Ofi Creta, club greco da cui rassegna le dimissioni per la difficile situazione societaria, Pisa, che porta in Serie B, ma in cui trova anche qui un contesto complicato a livello dirigenziale. Nel 2017 la grande occasione di allenare proprio il suo Milan, che porta in Europa League dopo un grande girone di ritorno da 39 punti. L'anno successivo invece arriva a un solo punto di distanza da Inter e Atalanta quarte, fallendo di poco la qualificazione in Champions. Lasciati i rossoneri, si accasa al Napoli, subentrando al suo maestro Ancelotti. Il primo anno, nonostante il difficile contesto legato alla pandemia, vince la Coppa Italia, il suo primo trofeo da allenatore, e disputa una buona stagione con i partenopei, che guida ancora oggi con alti e bassi. Recentemente lo si è visto con una benda sull'occhio per via della malattia, ma lui ha ricordato a tutti che non bisogna mollare mai e continuare sempre a lottare, come ha sempre fatto nella sua grande carriera.

ULTIME NOTIZIE
ULTIME NOTIZIE
17 ore fa
Serie A
Serie A, il programma della 17° giornata

Dopo il turno infrasettimanale giocato l'Epifania, la Serie A torna subito in campo tra sabato e lunedì per la 17° giornata...

21 ore fa
Serie A
Roma-Inter: presentazione della partita e pronostico

Il big-match della 17° giornata di Serie A è di scena all'Olimpico perché il lunch-match domenicale mette di fronte Roma e Inter, distanz...

1 giorno fa
Serie A
Calciomercato di gennaio, cinque grandi acquisti degli ultimi dieci anni

Lunedì si è aperto il calciomercato di gennaio, e come da tradizione tutti i tifosi sognano l'arrivo di un nuovo campione in squadra....

1 giorno fa
Serie A
Parma-Lazio: presentazione della partita e pronostico

Scontro delicato al Tardini dove il Parma, che ha appena richiamato D'Aversa in panchina al posto di Liverani dopo 4 sconfitte consecutive, ...

1 giorno fa
Serie A
Parma, esonerato Liverani: in panchina torna D’Aversa

Nel giro di poche ore, il Parma ha deciso di esonerare Fabio Liverani e di richiamare Roberto D'Aversa: il punto della situazione...

1 giorno fa
Serie A
Juventus-Sassuolo: presentazione della partita e pronostico

La Juventus, ritornata in corsa per lo scudetto con la vittoria di San Siro sul Milan, insegue la terza vittoria di fila contro un Sassuolo ...

1 giorno fa
Serie A
Milan-Torino: presentazione della partita e pronostico

Il Milan, che appena perso l'imbattibilità che durava da 27 giornate in campionato, ospita il Torino nell'anticipo della 17a giornata di Se...

2 giorni fa
Serie A
Sedicesima di Serie A: una grande Juventus vince 1-3 a Milano

Prima sconfitta in campionato per il Milan, da dieci mesi imbattuto in A. Sconfitta inaspettata per il Napoli in casa contro lo Spezia....

2 giorni fa
Serie A
L'Inter si ferma a 8: a Genova vince la Sampdoria. Roma, Atalanta e Lazio ok

Si sono giocate 8 delle 10 partite del 16° turno di Serie A: a sorpresa cade l'Inter, mentre Roma, Atalanta e Lazio vincono e convincono...

Segnalazioni e Consigli. Scrivi alla  redazione di DataSport: segnalazioni@datasport.it