ore 17:20 - Domenica, 5 Febbraio 2012


Serie B: Cittadella forza 4, Vicenza ko

Al Menti i granata s'impongono 4-1 grazie alla doppietta di Di Carmine e ai gol di Di Roberto e Di Nardo

Samuel Di Carmine. Foto ascittadella.it
Samuel Di Carmine. Foto ascittadella.it

Rivivi le emozioni di Vicenza-Cittadella: cronaca, pagelle e tabellino

Al Menti torna a vincere il Cittadella, che batte 4-1 il Vicenza e si aggiudica l'intera posta del derby veneto. Dopo un primo tempo deciso dal gol di Di Nardo al 23', nella ripresa si scatena Di Carmine che confeziona due reti (51' e 55') e un assist per il gol di Di Roberto (61'). Inutile il gol della bandiera di Paolucci all'89'.

I granata entrano in campo con il piede giusto e nei primi minuti si rendono due volte pericolosi: prima Di Carmine cicca a centro area un cross perfetto di Vitofrancesco, poi Di Nardo, lanciato a rete, si fa rimontare da un intervento alla disperata di Martinelli. Al 23' il Cittadella capitalizza la superiorità con Di Nardo, abile a insaccare dopo una respinta corta di Frison. La reazione del Vicenza è poca cosa: l'unica occasione è per Pinardi che, con un colpo di testa sottomisura al 33', esalta i riflessi di Cordaz.

Nella ripresa Vicenza resta con la testa negli spogliatoi e il Cittadella chiude la partita in 16 minuti. Al 51' Di Carmine realizza il 2-0 al termine di una caparbia azione conclusa con un diagonale di destro sottomisura. Quattro minuti dopo ancora Di Carmine va in gol sfruttando una respinta corta di Frison sul tiro di Di Nardo. Al 61' mette la firma sull'incontro pure Di Roberto, depositando in rete un perfetto assist dello scatenato Di Carmine. Il Vicenza è in ginocchio, la partita è chiusa. Inutile il gol di Paolucci all'89' con un preciso rasoterra mancino, ormai è notte fonda in casa biancorossa.

Nel prossimo turno gli uomini di Cagni proveranno a riscattarsi al Picchi di Livorno. Il Cittadella, invece, proverà a confermarsi ospitando al Tombolato il Brescia.

Rivivi le emozioni di Vicenza-Cittadella: cronaca, pagelle e tabellino

Nicola Bambini


© RIPRODUZIONE RISERVATA