Al termine di una due giorni di Champions incredibile, il movimento calcio in Italia deve farsi un esame di coscienza

2021-04-15 19:00:22
Al termine di una due giorni di Champions incredibile, il movimento calcio in Italia deve farsi un esame di coscienza
Pubblicato il 15 aprile 2021 alle 19:00:22
Categoria: Notizie Calcio
Autore: Giacomo Mirandola

Tutti i tifosi italiani hanno passato una settimana tranquilla, potendosi godere il meglio del calcio europeo senza la tensione di vedere la propria squadra, anche se ovviamente tutti lo avrebbero voluto. Il livello di queste partite è stato stellare e ha portato a fare diverse riflessioni sul calcio italiano.

Quattro grandi partite in questi giorni e quattro grandi partite la scorsa settimana. Uno spettacolo sportivo di altissimo livello, che ha raggiunto il suo apice con Paris Saint Germain – Bayern Monaco, probabilmente la partita dell’anno. È curioso pensare che questo grande spettacolo non sia coinciso con una pioggia di gol; è bastata la qualità di calcio espressa per esaltare chiunque abbia visto queste partite. Analizzando solo i ritorni, infatti, solo la sfida tra Borussia Dortmund e Manchester City si è conclusa con più di una rete a referto. Questi match hanno fatto tornare di moda le discussioni sul calcio italiano rispetto a quello dei top club europei, tema già era emerso qualche settimana fa, quando tutte le nostre squadre, salvo la Roma, sono state eliminati dalle loro competizioni continentali senza superare nemmeno gli ottavi.  Effettivamente la differenza è stata evidente. La diversità principale che è emersa tra le partite di Serie A e quelle di Champions, ma anche di molti altri campionati nazionali è stata sul piano del ritmo. In Europa si gioca a velocità doppia rispetto all’Italia, il pallone si muove più rapidamente e i passaggi si fanno quasi esclusivamente in verticale. È molto raro osservare quello sterile e lento possesso palla tra difensori che siamo così abituati a vedere in Italia, soprattutto quanto si scontrano squadre di livello abbastanza diverso, quantomeno sulla carta. Il gioco in Serie A è molto più lento, decisamente meno spettacolare e non sempre efficace. Questo modo di giocare in Europa ha già dimostrato a più riprese di non funzionare, dato che in una competizione come la Champions League sono intensità e velocità di gioco a farti vincere. Una frazione di responsabilità di questo gioco sotto ritmo credo personalmente che ricada sul metro arbitrale utilizzato nel nostro campionato. In Serie A è limitata profondamente la fisicità, al minimo uso del corpo viene fischiato un fallo. I giocatori, specie i più esperti, sfruttano ampiamente questa cosa, lasciandosi cadere e protestando al primo sentore di un contatto, contribuendo così ad acutizzare il problema. Queste continue interruzioni del gioco spezzettano molto le partite e contribuiscono a tenere basso il ritmo. Appena si sbarca in Europa, invece, si incontra una realtà di arbitraggio “all’inglese”, in cui si fischia il meno possibile e solo i falli netti ed evidenti, mettendo in crisi i giocatori delle nostre squadre, abituati a lasciarsi andare con facilità e ottenere quasi sempre una decisione del direttore di gara a proprio favore. La cosa più incredibile è che anche la classe arbitrale italiana adotta questo metro di giudizio quando dirige match europei (basti pensare che la sfida di martedì del Parco dei Principi è stata diretta dal nostro arbitro Daniele Orsato).

Un altro problema del movimento calcistico italiano è dato dal talento e dall’utilizzo dei giocatori giovani. La Serie A è un campionato in cui riescono ancora a fare tutta la differenza del mondo giocatori come Cristiano Ronaldo, 36 anni, o Zlatan Ibrahimovic, 39 anni. Poi arrivano il martedì e il mercoledì e vediamo dominare giocatori come Mbappè, 22 anni, Foden, 20 anni, o Vinicius Jr., 20 anni. In Europa c’è proprio il culto dell’investimento nella gioventù, che consiste nell’acquisto di un giovane talentuoso da un altro club o in un investimento di denaro, energie e tempo verso il proprio vivaio. Anche alcuni dei top club italiani stano virando verso quella direzione, come ad esempio il Milan, che sta investendo nei giovani, affiancandoli a pochi elementi talentuosi ed esperti come Ibrahimovic o Kjaer, o l’Atalanta, che invece si concentra storicamente sul suo vivaio, sfoggiando ogni stagione un nuovo super giovane promosso dalla primavera. Anche la Juventus, la dominatrice delle ultime stagioni, sta iniziando un processo di “svecchiamento” della rosa, con gli acquisti ad esempio di Chiesa, Kulusevski o, ancora più a lungo termine, Rovella. In ogni caso il livello e l’esperienza di molti giovani nei top club europei è maggiore perché gli allenatori hanno il coraggio di farli giocare quando non hanno ancora un nome altisonante e, soprattutto, si sanno prendere la responsabilità di riconfermarli in campo pur dopo degli errori, perché sono ragazzi e hanno bisogno di sbagliare per diventare dei campioni. Forse questo è l’aspetto che, in Italia, dovrebbero prendere come esempio sia gli staff delle varie squadre, sia la stampa, spesso ipercritica su giocatori ed allenatori e sempre pronta a crocifiggere chiunque per un singolo errore. Ringiovanire le rose potrebbe essere il primo passo per poter ritrovare velocità di gioco (ovviamente servono giocatori qualitativi oltre che giovani) e, successivamente, dovremo concentrarci sulla tattica. I tatticismi sono sempre stati uno dei punti forti del calcio italiano, ma in questi ultimi anni si sono trasformati nel nostro punto debole. L’obiettivo degli allenatori dovrebbe proprio essere quello di un ritorno al passato ma guardando al futuro; prendere gli aspetti più “innovativi” del gioco dei top club europei e metterci quel tocco nostrano che ci ha sempre resi dei maestri in questo sport.

 

ULTIME NOTIZIE
ULTIME NOTIZIE
49 minuti fa
Notizie Calcio
Al termine di una due giorni di Champions incredibile, il movimento calcio in Italia deve farsi un esame di coscienza

Tutti i tifosi italiani hanno passato una settimana tranquilla, potendosi godere il meglio del calcio europeo senza la tensione di vedere la...

1 giorno fa
Notizie Calcio
Buon compleanno Nicola Berti, centrocampista fuori dagli schemi

Compie gli anni oggi uno dei simboli per eccellenza dell’Inter del “Trap”. Dallo storico goal in Baviera ai derby di Milano, passando ...

3 giorni fa
Notizie Calcio
Buon compleanno Marcello Lippi, eroe nella notte di Berlino

Compie oggi 73 anni ex giocatore e tecnico nativo di Viareggio, uno degli allenatori più vincenti degli anni 90/00 in Italia, con la Nazion...

3 giorni fa
Notizie Calcio
Crisi Atletico, solo 1-1 col Betis e Liga riaperta. Mourinho KO contro lo United

17 partite di calcio internazionale ma un risultato a sorpresa riapre ancor di più la Liga: l'Atletico pareggia a Siviglia col Betis e ora ...

4 giorni fa
Notizie Calcio
Buon compleanno Thiago Alcantara, metronomo del centrocampo dal cuore italiano

Compie oggi 30 anni l’italo-spagnolo che, dopo i primi anni della sua carriera in blaugrana, è stato il titolare inamovibile del Bayern M...

6 giorni fa
Notizie Calcio
LaLiga, Real Madrid-Barcellona: aspettando El Clasico

Domani, ore 21, allo stadio Alfredo Di Stefano, andrà in scena il 182° Clasico della storia nel campionato spagnolo. I blaugrana, in caso ...

6 giorni fa
Notizie Calcio
Tanti scontri al vertice nei top campionati europei in un weekend di calcio da non perdere

Un fine settimana ricco di big match in Inghilterra, Spagna e Germania. Tanti scontri nelle zone alte....

6 giorni fa
Notizie Calcio
Buon compleanno Blaise Matuidi, centrocampista duttile e dai polmoni d’acciaio

Compie gli anni oggi Blaise Matuidi, campione del Mondo con la sua Francia nel 2018, dalla Ligue 1 alla Juventus fino alla sua ultima ed att...

6 giorni fa
Notizie Calcio
Sky punta a tagliare il 20% dei lavoratori

Con il sistema pay tv sempre più in crisi e l’accanita concorrenza del modello over the top, Sky Italia sarà costretta a impostare un nu...

Segnalazioni e Consigli. Scrivi alla  redazione di DataSport: segnalazioni@datasport.it