Pescara: faccia a faccia tifosi-dirigenza

2013-02-04 08:00:29
Pubblicato il 4 febbraio 2013 alle 08:00:29
Categoria: Serie A
Autore: Redazione Datasport.it

"I tifosi volevano parlare con i giocatori e non con noi dirigenti e così li abbiamo fatti entrare negli spogliatoi dove hanno avuto il confronto che volevano". Queste le parole del presidente del Pescara Daniele Sebastiani in merito al faccia a faccia con i tifosi svoltosi al termine della gara persa contro il Bologna. "Non credo che il problema fosse tanto la sconfitta di oggi - ha proseguito il numero uno del club abruzzese -, quanto la prestazione vergognosa di Genova. I tifosi hanno chiesto impegno e attaccamento alla maglia e qualche uscita in meno durante la settimana. E' stato un confronto comunque senza eccessi. I nostri sostenitori sono arrabbiati e preoccupati come lo siamo noi".
 
Prima del fischio d'inizio della gara contro il Bologna i tifosi biancazzurri avevano esposto in Curva Nord uno striscione che recitava: "Ora basta: bisogna vincere". Al termine del match, dopo alcuni minuti di trattative con gli agenti di polizia, si è arrivati ad ottenere il via libera per un confronto con una delegazione di circa 30 tifosi. Le quattro sconfitte consecutive, tra cui l'umiliante 6-0 incassato dalla Sampdoria, bruciano.