Fiorentina-Milan: la moviola. Gli errori di Tagliavento

2013-04-08 08:15:51
Pubblicato il 8 aprile 2013 alle 08:15:51
Categoria: Serie A
Autore: Redazione Datasport.it

Una premessa è doverosa: arbitrare Fiorentina-Milan non era certo facile. La partita, terminata 2-2 tra mille polemiche, è stata un susseguirsi di episodi da moviola come raramente accade. Fatta questa doverosa premessa, resta il fatto che la direzione di Tagliavento non ha convinto. Dall'espulsione di Tomovic in poi, il Franchi è diventato una polveriera e il fischietto di Terni non è apparso lucido nel suo operato, prendendo anche qualche abbaglio clamoroso. Tra gli episodi chiave di Fiorentina-Milan ne abbiamo selezionati cinque:

- 38': Tomovic controlla male un pallone sulla trequarti, El Shaarawy glielo ruba e si invola verso Viviano. Lo stesso Tomovic contrasta l'attaccante rossonero e lo colpisce con una gomitata al volto. Tagliavento estrae il cartellino rosso diretto tra le vibranti proteste dei giocatori viola che lo circondano. La decisione dell'arbitro appare esagerata: l'intervento di Tomovic avrebbe meritato il semplice giallo.

- 65': numero di Ljajic che semina il panico nell'area milanista, viene contrastato da Nocerino e cade. Tagliavento indica il dischetto del rigore. Le immagini, tuttavia, dimostrano che il contatto Nocerino-Ljajic non è così evidente da meritare la concessione del rigore: il centrocampista rossonero sfiora soltanto l'attaccante viola che accentua la caduta.

- 72': Cuadrado controlla un pallone sul vertice destro dell'area di rigore, sposta la palla e viene toccato da De Sciglio. L'esterno viola forse cerca un po' il contatto, ma la decisione di Tagliavento è giusta: il rigore che riporta in parità il match ci sta tutto.

- 84': Abate entra in area dalla destra, Pasqual lo sbilancia mettendogli una mano sulla spalla, spingendolo e soprattutto disinteressandosi del pallone. Il laterale rossonero cade e chiede il rigore, Tagliavento lascia proseguire. Resta qualche dubbio, ma il contatto tra i due c'è.  

- 93': su un corner dalla destra Pazzini anticipa tutti sul primo palo e colpisce di testa. Roncaglia allarga la mano sinistra e il pallone gli finisce contro. Tagliavento è a due passi ed è posizionato benissimo ma lascia proseguire tra le proteste, stavolta, dei giocatori milanisti. Il rigore per i rossoneri sembrava evidente.