STORIE - Ronaldinho, in campo e fuori: una vita di eccessi

2020-03-26 15:03:32
STORIE - Ronaldinho, in campo e fuori: una vita di eccessi
Pubblicato il 26 marzo 2020 alle 15:03:32
Categoria: Notizie Calcio
Autore: Matteo Pifferi

Solo qualche giorno fa, Ronaldinho ha compiuto 40 anni, tutti vissuti al massimo. E anche dopo l'esperienza da calciatore (purtroppo) il brasiliano ha dimostrato di non avere freni, a tal punto da 'festeggiare' il compleanno in carcere.

Se ci si ferma un minuto (o forse anche qualcuno in più) a leggere il palmares di Ronaldo de Assis Moreira, ai più noto come Ronaldinho, si evince come il brasiliano nato in quel di Porto Alegre nel 1980 ha saputo segnare un'epoca, diventando un'icona del calcio mondiale quando è stato all'apice della sua carriera, prima di avvicinarsi all'epilogo in madre patria con il Fluminense.

GREMIO - La prima avventura di Ronaldinho è al Gremio: dopo aver praticato futsal e beach soccer sin da bambino, il club carioca mette gli occhi sul giovanissimo fenomeno prendendolo già nel 1995 e mettendolo sin da subito nelle proprie giovanili a crescere. Crescita però che è apparsa esponenziale a tal punto che a 17 anni firma il primo contratto da pro e viene aggregato alla squadra B. Un anno più tardi è già in prima squadra e, nel 1999 aiuta la squadra a vincere il campionato Gaucho, con 15 gol in 18 partite. In più, in Brasile, alza al cielo anche la Copa sul-Minas, sempre nel 1999 prima della chiamata dell'Europa, a maggior ragione dopo la vittoria in Copa America e la finale nella Confederations Cup, chiusa da capocannoniere del torneo.

PSG - Nel gennaio 2001 il PSG annuncia l'acquisto di Ronaldinho per l'estate, suscitando le polemiche dello stesso Gremio - la FIFA si espose in merito e dette ragione ai brasiliani con tanto di risarcimento di oltre 6 mln da parte dei francesi - che bloccò l'esordio di Dinho, rinviato all'agosto 2001. Quel PSG non era però questo PSG e il brasiliano, seppur in grado di segnare 25 reti in 77 partite, sentì la necessità di cambiare aria, intuendo che sarebbe servita un'altra piazza per spiccare definitivamente il volo e diventare Leggenda, ancor più dopo la vittoria del Mondiale in Corea del Sud e Giappone del 2002 con il Brasile dei sogni.

BARCELLONA - Nel luglio del 2003, il Barcellona pagò 30 milioni di euro per il cartellino di Ronaldinho che deliziò le platee del Camp Nou e di tutta la Spagna a suon di gol e giocate uniche che però al primo anno non contribuirono a vincere alcun titolo, cosa che invece accadde un anno dopo con la vittoria della Liga. Indimenticabile, nella sua avventura in blaugrana, la doppietta al Bernabeu, con un assolo incredibile e una conclusione che spiazzò Casillas e fece scattare il tribuno di tutto lo stadio, ai piedi di un fuoriclasse assoluto. Nel 2005, la stagione si chiuse con 26 reti in 45 partite, Liga, Champions League, Supercoppa di Spagna e il più che meritato Pallone d'Oro, giusto riconoscimento per un giocatore cresciuto esponenzialmente. Dinho non ha mai avuto problemi ad essere al centro dell'attenzione, a maggior ragione quando le cose vanno male: e il 2006-2007 è uno dei peggiori anni della sua carriera, a tal punto che piovono critiche da parte dei tifosi a tutta la squadra, capace nell'impresa di perdere la finale del Mondiale per Club contro l'Internacional e di essere eliminata dal Liverpool in Champions, finendo seconda in Liga. Il brasiliano, nel marzo 2008, patisce un pesante infortunio all'adduttore che mette la parole fine sulla stagione e sulla sua avventura al Barcellona, chiusa con 207 presenze e 94 reti.

MILAN - Nell'estate 2008, ecco la chiamata dell'Italia e di Silvio Berlusconi: l'accoglienza dei tifosi del Milan è da Fenomeno e l'impatto con il calcio italiano fu fantastico con il gol a settembre nel derby contro l'Inter. A fine stagione, Dinho segnò 10 reti in 36 partite, numeri non eccellenti complice un calo fisico nella seconda parte del torneo, che sembrava il preludio di quello che sarebbe accaduto due anni più tardi. Perché il 2009-2010 è il miglior anno del brasiliano al Milan: 12 gol (e 12 assist!) in campionato e 3 in Champions portano lo score totale a 15 in 43 partite. L'anno successivo, però, finì la magia: trovò dapprima poco spazio con Allegri ma ben presto si capì che l'attrazione per le serate milanesi aveva preso il sopravvento.

FLAMENGO, ATLETICO MINEIRO... E MESSICO - Nel gennaio 2011 il Milan lo vende al Flamengo per 3 milioni di euro e in Brasile, complice un livello più basso, Dinho ritrova passione e gol, ben 21 in 52 partite vincendo un Campionato Carioca (2011) prima però di finire per vie legali per questioni economiche. Nel giugno 2012 firma per l'Atletico Mineiro, con cui vince un Campionato Mineiro, una Copa Libertadores (2013) e la Recopa Sudamericana (2014). Nell'estate 2014 firma, a sorpresa, per il Queretaro, club di prima divisione messicana ma sia l'avvio - fu criticato e bersagliato per considerazioni razziste - che il prosieguo non sono positive, a tal punto che alla fine della stagione dà l'addio e annuncia l'approdo al Fluminense ma si evince fin da subito come la carriera sia agli sgoccioli e il ritiro arriva, un po' in ritardo, ma in via ufficiale nel 2018.

POST-CARRIERA RIVEDIBILE - Ronaldinho ha sempre vissuto al massimo, sia in campo ma soprattutto anche fuori: dalle scappatelle con showgirl durante l'avventura al Milan fino ai problemi di soldi in Brasile e a quelli col Fisco in Spagna ma è notizia fresca l'arresto in Paraguay, insieme al fratello, perché in possesso di falsi passaporti. Dinho avrebbe dovuto presenziare ad un evento ad Asuncion ma le guardie lo hanno perquisito, scoprendo i documenti non a regola. Ronaldinho, ad oggi, è in carcere e ha trascorso i suoi 40 anni - compiuti il 21 marzo - in carcere. Siamo certi che, una volta tornato in libertà, riuscirà a trovare il modo per far parlare di sè. Come fatto fin da giovane ai tempi del Gremio.

ULTIME NOTIZIE
ULTIME NOTIZIE
3 ore fa
Notizie Calcio
Slutsk-Dinamo Brest: presentazione della partita e pronostico

La Dinamo Brest, campione in carica, è di scena sul campo dello Slutsk per la seconda giornata del campionato bielorusso...

22 ore fa
Notizie Calcio
FC Minsk-Dinamo Minsk: presentazione della partita e pronostico

La Dinamo Minsk ha perso in casa contro il Rukh Brest alla prima giornata e spera di rifarsi nel derby....

1 giorno fa
Notizie Calcio
Slavia Mozyr-BATE Borisov: presentazione e pronostico

Ecco la presentazione del match valido per la seconda giornata del campionato bielorusso...

2 giorni fa
Notizie Calcio
Sport e scommesse: tra le preferenze degli italiani spunta il tennistavolo

La crisi da coronavirus continua a tenere in scacco lo sport...

3 giorni fa
Notizie Calcio
Bayern Monaco regina del gol. Flick merita la permanenza?

Il Bayern Monaco è la squadra che più di tutte ha segnato nei principali 5 campionati europei, grazie anche alla seconda giovinezza di Lew...

3 giorni fa
Notizie Calcio
Partite del 22/03/2020

Incontri odierni...

4 giorni fa
Notizie Calcio
Partite del 21/03/2020

Incontri odierni...

5 giorni fa
Notizie Calcio
Biellorussia, inizia il campionato e le porte restano aperte

In Biellorussia, nonostante una cinquantina di contagi di Covid 19, il calcio riparte come se nulla fosse...

5 giorni fa
Notizie Calcio
Perth Glory-Western United: presentazione e pronostico

LA sfida tra Perth Glory e Western United chiude la 24° giornata dell'A-League...

5 giorni fa
Notizie Calcio
Newcastle Jets-Melbourne City: presentazione e pronostico

Il Melbourne City deve cercare di mettere altro fieno in cascina per la volata con i Wellington Phoenix per chiudere la regular season al se...

5 giorni fa
Notizie Calcio
Partite del 20/03/2020

Incontri odierni...

5 giorni fa
Notizie Calcio
CALCIO - Le "stelle" fuggono dal Covid-19

L’emergenza corona virus ha “suggerito” ad alcuni grandi campioni del calcio di lasciare le squadre di appartenenza e rientrare nei ri...

Segnalazioni e Consigli. Scrivi alla  redazione di DataSport: segnalazioni@datasport.it