Buon compleanno Roberto Baggio, il Divin Codino simbolo del calcio

2021-02-18 12:30:00
Buon compleanno Roberto Baggio, il Divin Codino simbolo del calcio
Pubblicato il 18 febbraio 2021 alle 12:30:00
Categoria: Notizie Calcio
Autore: Dario Damiano

Compie oggi 54 anni uno dei giocatori più amati, ma anche discussi, del calcio italiano: Roberto Baggio, un assoluto fuoriclasse.

 

Parlare di Baggio non è facile, perché non è facile raccontare nel dettaglio un personaggio che è conosciuto da chiunque, anche chi poco si intende di calcio. Il Divin Codino è stato più che un calciatore, è stato un icona pop del suo tempo, un simbolo a cui oggi si guarda come la rappresentazione di un passato che fu, come volto di un'epoca. "Da quando Baggio non gioca più, non è più domenica" cantava Cesare Cremonini, una citazione spesso abusata, ma che fa capire quanto questo giocatore ha catturato l'attenzione dei tifosi e non. Anzitutto perché possedeva una tecnica, una visione di gioco, un controllo di palla straordinario, ed è difficile non innamorarsi dei calciatori che fanno magie con un pallone tra i piedi. Poi perché è stato dovunque, ha cambiato sette maglie durante la sua carriera, ma ha sempre raccolto un consenso trasversale, pur avendo giocato in tutte le big del calcio italiano, ovvero Juventus, Milan e Inter. E infine perché a lui sono legati tre Mondiali in cui l'Italia è stata beffata sul filo del traguardo, dal destino crudele. Ma cerchiamo di fare un po' di ordine, partendo dal 18 febbraio 1967, il giorno in cui Roby nasce a Caldogno, in provincia di Vicenza. È una famiglia numerosa la sua: è il sesto di otto figli, e il padre Florindo, appassionato di calcio e ciclismo, lo chiama Roberto in onore di Boninsegna, così come chiama il fratello Eddy come tributo al Cannibale Eddy Merckx. Si avvicinò al calcio da giovanissimo, entrando nelle giovanili vicentine del Lanerossi a 13 anni, per mezzo milione di lire. I biancorossi lo iniziarono al calcio dei grandi, ormai divenuta la prospettiva di Baggio, che rinuncia anche a conseguire il diploma di studi pur di seguire la sua squadra. Dopo un periodo sfolgorante nella Primavera, debutta in prima squadra il 5 giugno 1983, entrando stabilmente nei titolari solo l'anno dopo, in una stagione in cui realizza 12 gol in 29 presenze, riportando i suoi in Serie B. Una B che non riuscirà a giocare, primo perché la Fiorentina investe quasi 3 miliardi di lire su di lui, secondo perché subisce un gravissimo infortunio al crociato e al menisco poco prima di firmare con i viola, un infortunio che lo terrà fuori dai campi per più di un anno, e che richiederà l'utilizzo di 220 punti di sutura per curare le ferite. Un periodo difficile per un giocatore da poco maggiorenne, in cui inizia ad avvicinarsi alla fede tramite il buddhismo, religione di cui diventerà uno dei maggiori esponenti italiani. Quando torna, un nuovo infortunio lo costringe a stare fermo di nuovo, dieci presenze in due anni. Ma poi esplode, mostrando a tutti la sua classe, con tre stagioni di grande livello, tra gol e assist, che gli valgono anche la convocazione a Italia '90. Baggio, partito da riserva, assurgerà a ruolo di titolare insieme al compagno Schillaci dopo la partita con la Cecoslovacchia, portando i suoi sino in semifinali, dove i rigori ci mettono per la prima volta lo zampino, favorendo l'Argentina.

 

È un'estate particolare per lui: il Presidente Pontello lo aveva venduto alla Juventus per fare cassa, e i tifosi della Fiorentina erano insorti contro la dirigenza, determinati a far saltare il tutto. Baggio non mancò di sottolineare come la sua volontà contò poco, e dimostrò sempre stima per Firenze, celebre l'episodio in cui raccolse una sciarpa viola durante un incontro tra i toscani e i bianconeri. Forse è per questo che con l'ambiente juventino non riuscì mai a legare del tutto. Eppure fece cose straordinarie, 115 gol in 200 partite, lo Scudetto del '95, la Coppa Uefa del 1993, con tanto di Pallone d'oro e Fifa World Player. A questo periodo è legata la sua iconica immagine del codino, e la sua partecipazione ai Mondiali del '94, in cui, seppur acciaccato, trascinò letteralmente l'Italia di Sacchi sino in finale, segnando 5 gol nella fase a eliminazione diretta. La finale contro il Brasile, purtroppo, andò così: quel giorno a Pasadena Baggio sbagliò il rigore che consegnò la coppa ai brasiliani, una ferita e un rimpianto che il giocatore tuttora vive con tristezza. Lasciata la Juve dopo l'esplosione di Del Piero, Roby rimane ad alti livelli accasandosi al Milan. Due anni non esaltanti tuttavia: nel primo vince di nuovo lo Scudetto, ma da comprimario, nel secondo, prima Sacchi e poi Capello non mostrano particolare attenzione nei suoi confronti, e così, dopo incomprensioni palesi, Baggio passa al Bologna, dopo essere stato rifiutato dal Parma di Ancelotti per motivi tattici. Rinasce nella città delle due torri: 22 gol in 30 partite, leader tecnico dei rossoblu, anche se non sempre supportato da Ulivieri, reo, secondo Baggio, di non voler essere oscurato dal fantasista. Il Mondiale '98 termina con un'altra eliminazione ai rigori, la terza degli anni Novanta, questa volta contro la Francia campione. L'ultima esperienza di Baggio con una big è nell'Inter di Moratti, in cui capita in un periodo difficile. Il primo anno è disastroso per l'intera squadra, con quattro cambi di allenatore e una continuità inesistente, nel secondo Marcello Lippi, nuovo tecnico nerazzurro, mostra una certa insofferenza per l'asso di Caldogno. Le accuse tra i due sono state pesanti, si è parlato di denunce, per far capire quanto i rapporti fossero tesi. Baggio accusa Lippi di tenerlo fuori per motivi personali, tant'è che gioca solo quando non è possibile fare altrimenti. Memorabile, tuttavia, la doppietta con cui stende il Parma nello spareggio per la Champions League: con quella vittoria, il tecnico viareggino salva la panchina, e Baggio, dopo aver fatto il suo dovere, si trasferisce al Brescia, neo-promosso in Serie A. Con le rondinelle di Mazzone vive quattro anni splendidi, in cui salva i suoi mostrando ancora classe e talento che altri, a 35 anni, non si immaginano neanche. Trapattoni non lo convoca per i Mondiali 2002, ma il 28 aprile 2004 l'Italia gioca solo per lui, per celebrare il suo addio alla Nazionale e al calcio. Diciotto giorni dopo, in un San Siro che lo ricopre di applausi, saluta definitivamente il calcio, dopo 19 stagioni in Serie A, 452 presenze e 205 gol, settimo realizzatore di sempre del campionato italiano. Roberto Baggio, un campione, una leggenda che è stata di tutti.

ULTIME NOTIZIE
ULTIME NOTIZIE
39 minuti fa
Notizie Calcio
Buon compleanno Roberto Baggio, il Divin Codino simbolo del calcio

Compie oggi 54 anni uno dei giocatori più amati, ma anche discussi, del calcio italiano: Roberto Baggio, un assoluto fuoriclasse....

23 ore fa
Notizie Calcio
Buon compleanno Adriano, ascesa e caduta dell'Imperatore

Compie oggi 39 anni uno dei talenti più fulgidi mai ammirati in Italia, durato, come tutte le cose belle, troppo poco tempo....

5 giorni fa
Notizie Calcio
Buon compleanno Pierluigi Collina, il miglior arbitro di tutti

Compie oggi 61 anni il direttore di gara celebrato come il migliore della storia del calcio dalla storica rivista France Football nel 2020....

7 giorni fa
Notizie Calcio
Tanti auguri Ciro Ferrara, scugnizzo vincente tra Napoli e Juve

Compie oggi 54 un grande difensore della Serie A di fine millennio, protagonista vincente di due squadre agli antipodi fra loro....

7 giorni fa
Notizie Calcio
AWS e la Bundesliga migliorano l'analisi delle partite in tempo reale con nuove statistiche relative alle performance per la

I servizi AWS continuano a migliorare l'esperienza dei tifosi con nuove statistiche avanzate, tra cui Most Pressed Player, Attacking Zones, ...

9 giorni fa
Notizie Calcio
Mondiale per Club, il Bayern Monaco batte l'Al Ahly ed è in finale

Finisce 2-0 per i bavaresi l'incontro del giorno contro i campioni d'Africa, vittoria nel segno di un grande Robert Lewandowski....

11 giorni fa
Notizie Calcio
In ricordo della tragedia aerea di Monaco, accaduta il 6 febbraio 1958

Accadde esattamente 63 anni fa una delle pagine più tristi dell'immensa storia calcistica, il disastro aereo che spezzò i Busby Babes....

13 giorni fa
Notizie Calcio
Juniores, UFFICIALE: il campionato ripartirà dal 20 marzo

Il Dipartimento Interregionale comunica che il Campionato Nazionale Juniores Under 19 2020/2021, salvo ulteriori e diversi provvedimenti che...

16 giorni fa
Notizie Calcio
Buon compleanno Gerard Piqué, difensore e simbolo barcelonista

Compie oggi 34 anni il difensore blaugrana, tra i più legati alla sua maglia e alla sua città, che difende da quando è nato....

Segnalazioni e Consigli. Scrivi alla  redazione di DataSport: segnalazioni@datasport.it