Nevio Scala: \"A ottobre mi ha cercato la Roma\"

2011-03-09 17:43:51
Pubblicato il 9 marzo 2011 alle 17:43:51
Categoria: Serie A
Autore: Redazione Datasport.it

“Ho rischiato molto a ottobre 2010 di tornare in panchina, avevo un'offerta importante dalla squadra che ha perso 3-0 a Donetsk (la Roma, ndr). Poi una serie di vittorie hanno raddrizzato la situazione prima dell'addio di Ranieri. Sono le parole di Nevio Scala, il tecnico che nel 2002 guidò lo Shakhtar Donetsk alla conquista del primo scudetto, a Radio 24 in A Tempo di Sport. Scala, ultima esperienza in panchina nel 2004 allo Spartak Mosca, gestisce oggi un'azienda agricola nel padovano ma ha confidato che gli è tornata voglia di calcio.

“E' tempo che vivo il calcio solo in televisione o da spettatore allo stadio e devo dire che mi è tornata un po' di voglia di campo. Con questo non voglio spingere nessuna situazione. Sto bene così, ho l'azienda da mandare avanti e i miei figli e mia moglie mi dicono 'ma chi te lo fa fare di tornare in panchina?'. Però è la mia passione e se dovesse capitare un'occasione sono pronto”.

Il tecnico ha poi parlato della qualificazione ai quarti di finale di Champions League della sua ex squadra ai danni della Roma: “Vedo lo Shakhtar anche oltre i quarti. E' una bellissima squadra, giovane e veloce, ben messa in campo da Lucescu. Ricordo veramente con grande affetto la stagione a Donetsk quando riuscimmo a interrompere l'egemonia della Dinamo Kiev vincendo il primo scudetto. Pensare che non ci volevo nemmeno andare in Ucraina - racconta -, ma il presidente (Rinat Akhmetov, ndr) mi ha convinto venendo a prendermi con il suo aereo e facendomi vedere le strutture che avrei avuto a disposizione”.