L'inghilterra domina senza inglesi: quando conta più la filosofia di calcio che gli interpreti

2019-05-11 12:15:37
L'inghilterra domina senza inglesi: quando conta più la filosofia di calcio che gli interpreti
Pubblicato il 11 maggio 2019 alle 12:15:37
Categoria: Notizie Calcio
Autore: Gabriele Grizzuti

Sia la Champions che l'Europa League. E anche la SuperCoppa europea di inizio stagione. L'en-plein dell'Inghilterra in Europa è storico perchè nessuno prima d'ora aveva monopolizzato così il calcio che conta.

Tra qualche settimana quindi, la Coppa dalle grandi orecchie e la nuova Coppa Uefa atterreranno tra Londra e Liverpool (con la seria possibilità di avere una capitale mondiale di riferimento calcistico, proprio Londra). Ma le quattro squadre alle finali, quanti inglesi hanno utilizzato per raccogliere questo storico risultato? A dispetto della solita retorica italiana che spingeva, soprattutto dopo la cocente eliminazione pre-Mondiali, per puntare sui settori giovanili italiani, l'Inghilterra si dimostra ancora una volta avanti anni luce dal nostro campionato.

Perchè sono solo 9 i giocatori, che nelle due semifinali, sono partiti dall'inizio. E qualcuno di loro è titolare inamovibile. Stiamo parlando dei Reds Gomez, Milner, Henderson e Arnold, degli Spurs Trippier, Rose e Alli, Niles per i Gunners e Loftus-Cheek per i Blues. Quest'ultimo, tra l'altro, unico inglese in gol alle semifinali.

Tutto ciò per dire che la vittoria passa soprattutto da altri aspetti. Klopp ha dominato il Barcellona dall'inizio alla fine delle semifinali con un gioco propositivo e non speculativo. Inoltre Anfield ha caricato alla grande il Liverpool nella super rimonta, cosa che allo Stadium abbiamo visto solo contro l'Atletico in questa stagione e mai più, per via delle proteste (inutili) della curva juventina. Il Tottenham ha tenuto i big ma ha puntato forte sul nuovo stadio di proprietà, gioiello che già sta dando i suoi frutti. Il Napoli invece tiene i campioni ma non investe su strutture adeguate alla squadra. Il Chelsea decide di affidarsi a Sarri che con una rosa profonda e competitiva, in un solo anno, riporta i blues in Champions e ad un passo da un trofeo fuori confine. Infine l'Arsenal dà carta bianca a Emery, infallibile quando c'è di mezzo l'Europa League e cultore del gioco offensivo. Quello che serve, in Europa, per vincere. 

ULTIME NOTIZIE
ULTIME NOTIZIE
23 minuti fa
Notizie Calcio
L'inghilterra domina senza inglesi: quando conta più la filosofia di calcio che gli interpreti

Sia la Champions che l'Europa League. E anche la SuperCoppa europea di inizio stagione...

1 ora fa
Notizie Calcio
Serie A: chi sarà il re dei bomber? Ronaldo a caccia di Quagliarella

Si fa serrata la lotta per lo scettro dei marcatori di Serie A. Cristiano Ronaldo insegue Quagliarella e avrà la possibilità di dire la su...

22 ore fa
Notizie Calcio
Chievo, UFFICIALE: Pellissier dà l'addio

Sergio Pellissier, in conferenza stampa, ha annunciato il ritiro dal calcio al termine della stagione, quindi dopo le ultime tre partite con...

1 giorno fa
Notizie Calcio
Classifiche marcatori: Messi re della Champions, duello Giroud-Aubameyang in EL

Fuori sia Leo Messi che Cristiano Ronaldo. I due marziani mancano contemporaneamente all'appuntamento della Champions League dal 2013, quand...

1 giorno fa
Notizie Calcio
Paura a San Siro: lo stadio trema ancora

San Siro è sicuro, ma i supporter continuano ad essere preoccupati. Dopo i tremolii avvertiti durante lo scorso Inter-Juventus, il fe...

2 giorni fa
Notizie Calcio
FIGC, UFFICIALE: Mino Raiola squalificato per tre mesi

L’agente è stato squalificato dalla FIGC e non potrà esercitare la professione dal 9 maggio al 9 agosto 2019 per il caso del giovane cal...

Segnalazioni e Consigli. Scrivi alla  redazione di DataSport: segnalazioni@datasport.it