Champions: buio sulla Roma, pesante ko a Donetsk

2011-03-09 07:46:34
Pubblicato il 9 marzo 2011 alle 07:46:34
Categoria: Serie A
Autore: Redazione Datasport.it

Era una gara da ribaltare, è accaduto tutto il contrario. La Roma arriva in Ucraina con l'idea, solo quella, di provare a ribaltare il 3-2 casalingo dell'andata, ma dopo pochi minuti deve arrendersi al volere del campo. L'inizio dei giallorossi conforta, con Borriello che prova a impensierire la difesa ospite ben assistito da Taddei al 6', ma Pyatov mette in angolo. Al 9' ci prova Riise con una punizione devastante da fuori area che però termina a lato. Dal buon avvio giallorosso, ecco la beffa. Al 18', azione sulla sinistra di Willian che mette in mezzo dove Hubschan col tacco sfiora quanto basta per superare Doni sul secondo palo, 1-0. La Roma, comprensibilmente, accusa il colpo e crolla psicologicamente. Al 28' arriva la mazzata definitiva: Borriello si guadagna un rigore, va sul dischetto e se lo fa parare da Pyatov, mandando all'aria il bel lavoro nel conquistare il tiro franco. Per i giallorossi è buio assoluto, e la gara di fatto finisce qui. A fine primo tempo altro colpo sulle spalle di una Roma già piegata: Mexes viene espulso, forse esageratamente, per un intervento di mano nel tentativo di fermare una ripartenza di Luiz Adriano. Così, le “ali” dell'aeroplanino Montella si chiudono del tutto.

La ripresa non può che essere una passerella per i padroni di casa. La Roma non ha granché da dire, e dopo 13' minuti dall'inizio del secondo tempo prende il secondo gol, che chiude un conto mai di fatto aperto. Su calcio d'angolo dalla destra la palla finisce lunga sul secondo palo dove c'è Willian, che controlla e addomestica con tutto il tempo del mondo il pallone e col destro batte Doni con un preciso tiro all'incrocio dei pali. Il match prosegue con molto nervosismo, soprattutto da parte dei giocatori giallorossi, che nel finale prendono anche il terzo gol, per un passivo alla fine decisamente eccessivo. Un errore clamoroso di Rosi regala la palla ad Eduardo che col sinistro realizza il gol del definitivo 3-0. La Roma torna a casa con le pive nel sacco e un risultato alla vigilia prevedibile. Forse meglio così, ora c'è solo da pensare al campionato, dove c'è un posto Champions da conquistare e un morale assolutamente da recuperare.