Boxe, Wsb: i Thunder rischiano contro i britannici

2013-01-30 18:09:41
Pubblicato il 30 gennaio 2013 alle 18:09:41
Categoria: Boxe
Autore: Redazione Datasport.it

Sfida rovente sabato sera al Palamaggiò di Caserta, tra Italia Thunder Dolce & Gabbana e i British Lionhearts. I britannici, che nell’andata ci avevano rifilato un sonoro 4-1 sul ring gallese di Newport, non hanno alcuna intenzione sabato sera al Palamaggiò di Caserta, di farsi restituire lo stessa moneta. Lo dimostra il rafforzamento apportato nei medi e mediomassimi. Nei 73 kg. la Gran Bretagna ha inserito, al posto del modesto Brown, il più quotato Kaupo Aro, estone di 23 anni, campione nazionale 2009 e 2010, argento nei due anni successivi, al secondo impegno nelle WSB. Nel primo si è imposto per kot al secondo round su Jeffry Camp degli USA, lo scorso 17 gennaio a Londra. Pugile ostico dal pugno pesante, medio naturale, che tenterà di mettere l’incontro con Mangiacapre sul piano fisico, ovvero lo scambio colpo su colpo. L’italiano, bronzo olimpico nei 64 kg. da medio regala troppi chili e questo confronto, a giudizio personale, comporta rischi notevoli. Senza negare il talento e la grande abilità difensiva del campano.

L’altro cambiamento nei mediomassimi, non più Osueke, quarto nel ranking britannico, ma il migliore assoluto, il mancino e gioiello irlandese Joe Ward, che dopo aver vinto tutto nelle categorie giovanili, oltre all’europeo 2011, si propone come il dominatore tra gli 85 kg. E’ al quarto impegno, deciso a centrare il poker a spese dell’algerino Abdelhafid Benchabla, non certo un pivellino, ma temiamo che sui 5 round, la maggiore consistenza atletica dell’isolano possa fare la differenza, lieti di essere smentiti. Anche l’Italia ha dovuto sostituire Vincenzo Picardi, infortunatosi in allenamento con l’inedito Riccardo Andrea, un abruzzese, fresco campione italiano mosca, non certo digiuno di buona tecnica, ma con minore esperienza del gallese McGoldrick molto pericoloso e dotato di pugno duro. Anche in questo caso, un debutto tutto in salita.

Gli altri due confronti, dovrebbero portare punti all’Italia. Nei leggeri rientra Valentino, dopo la vittoria a Milano l’8 dicembre contro il forte ucraino Kyslytsyn, al termine di una battaglia sul filo dell’equilibrio. A Caserta ritrova Josh Taylor, lo scozzese che eliminò ai Giochi di Londra nell’incontro d’esordio. Conoscendo il temperamento dell’ospite, il nostro Mirco dovrà dare il meglio per vincere. Le qualità le ha, deve convincere se stesso a non mollare mai. Resta il capitano, il massimo Clemente Russo, l’atleta che nelle World Series ha collezionato 16 vittorie su altrettanti incontri. Per proseguire la striscia positiva deve imporsi sul tongano Uaine Fa, un gigante che solo l’ucraino Usyk - oro olimpico a spese di Russo - ha battuto, contro quattro successi. Come al solito Russo ha il compito di mostrare colpo d’occhio e precisione per anticipare un rivale decisamente pericoloso. Potrebbe essere lo scontro che decide la vittoria finale tre le due squadre. Clemente, come tutti gli altri dei Thunder Italia, avrà dalla suo il pubblico casertano che non ha mai tradito. Una vittoria porrebbe le basi per un secondo posto importante, in previsione dei play off, dove gli accoppiamenti sono inversamente proporzionali alla classifica.

Le due franchigie sono divise da un solo punto, Italia 13 e G.B. 12, per cui la sfida di Caserta diventa fondamentale per mantenere la posizione dietro il Kazakistan a quota 18 punti, unico team imbattuto del girone B, difficilmente raggiungibile. Il calendario, dopo Caserta, prevede per l’8 febbraio la proibitiva trasferta in Ucraina, dove facilmente troveremo il leggero Lomachenko e altri campioni, decisi a ribaltare l’1-4 subito a Milano. Il 23 febbraio ospitiamo il Kazakistan, contro il quale lo scorso dicembre ad Almaty ci siamo difesi con onore, perdendo 2-3. Unico team a conquistare un punto nella tana dei lupi kazaki. Un successo italiano darebbe la certezza del secondo posto. L’ultimo appuntamento delle qualificazioni porta i Thunder in California all’Eldorado Hotel di Costa Mesa, dove è tutto possibile. Nel frattempo è indispensabile vincere a Caserta. Sky 3 trasmette in diretta l’evento con inizio alle 21. Repliche nella tarda serata e la domenica.