Vuelta a España: Rohan Dennis fa suo il prologo ed è la prima maglia rossa, male gli italiani e Porte

2018-08-25 20:45:40
Vuelta a España: Rohan Dennis fa suo il prologo ed è la prima maglia rossa, male gli italiani e Porte
Pubblicato il 25 agosto 2018 alle 20:45:40
Categoria: Notizie Ciclismo
Autore: Marco Corradi

Il primo atto della Vuelta a España 2018 ricalca quello dell'edizione passata: l'anno scorso la BMC aveva vinto la cronosquadre regalando la prima maglia roja a Rohan Dennis, quest'anno l'australiano fa tutto da solo e vince il prologo inaugurale. La Vuelta 2018 scatta con 8km da Malaga a Malaga, un terreno perfetto per gli specialisti delle cronometro: resta in testa a lungo il portoghese Nelson Oliveira (Movistar), che viene superato prima da Campenaerts e poi da Kwiatkowski, che potrebbe diventare il capitano a sorpresa di un Team Sky depotenziato. Rohan Dennis, però, non fa prigionieri: miglior tempo all'intermedio, miglior tempo finale e vittoria col tempo di 9'40''. Kwiatkowski è secondo a 6'', Campenaerts terzo a 7'', con Oliveira a 17'' e quarto: completano la top-10 van Baarle, Castroviejo (entrambi Sky), De Marchi (21''), Geschke, Izagirre e Kelderman.

La classifica dei big, se consideriamo Rohan Dennis e Kwiatkowski tra loro, vede l'australiano e il polacco guadagnare su tutti i possibili candidati alla vittoria finale: oltre ai già citati Izagirre e Kelderman, che cedono 22'', il migliore è Valverde con 24'' di ritardo, seguito da Mollema (27''), Simon Yates e Kruiswijk (29'') e dal terzetto Pello Bilbao-Quintana-Zakarin (30''). Miguel Angel Lopez chiude a 35'', con Dan Martin a 38'', e deludono i big italiani: Fabio Aru chiude a 39'', Vincenzo Nibali a 40'' appaiato ad Adam Yates e Pinot. Di fatto, i nostri portacolori perdono secondi da ogni big, ma la vera condizione si vedrà nelle tante salite della Vuelta. Chi invece delude, e parecchio, è Richie Porte: l'australiano, che veniva visto come il grande favorito dopo il ritiro dal Tour e l'infortunio, ha sofferto nella notte per un virus intestinale e chiuso a 51''. All'arrivo era pallido e affaticato, ma dovrebbe recuperare per le prime salite: in caso contrario, la Vuelta a España perderà subito un possibile protagonista. Domani la corsa ripartirà con una tappa per velocisti: si parte da Marbella e si arriva a Caminito del Rey, con uno strappo a precedere lo sprint. I protagonisti attesi sono Sagan, Trentin, Viviani, Nizzolo e Bouhanni: chi sarà il re degli sprint?

Segnalazioni e Consigli. Scrivi alla  redazione di DataSport: segnalazioni@datasport.it