Torino, Petrachi: "Tutti noi dobbiamo farci un esame di coscienza"

2017-10-26 18:10:41
Torino, Petrachi:
Pubblicato il 26 ottobre 2017 alle 18:10:41
Categoria: Serie A
Autore: Danilo Supino

"È normale confrontarsi in una famiglia, dove ci sono delle regole da rispettare e bisogna comportarsi in un certo modo". Le parole di Petrachi arrivano dopo una brutta sconfitta in casa della Fiorentina per 3-0 e oltre un mese senza vittorie. La posizione di Sinisa Mihajlovic non è messa in discussione, piena fiducia della dirigenza, ma il d.s. vuole di più e non solo parole. Domenica sera, c'è il posticipo contro il Cagliari, la squadra potrebbe ripartire di lì.

Di confronto il Toro ne ha bisogno, e tanto pure. Ultima vittoria il 20 settembre scorso contro l'Udinese, da allora solo due punti ottenuti contro Verona e Crotone. "Da qualche partita qualcosa di importante non sta funzionando. La squadra deve ritrovarsi dal punto di vista mentale, recuperando quella sana cattiveria agonistica che nel calcio è fondamentale". "Qualitativamente parlando, quest'anno abbiamo qualcosa in più rispetto al passato. Ma le doti vengono fuori con agonismo e voglia, proprio quello che ci sta mancando in questo periodo"."Di solito tendo a vedere il bicchiere mezzo vuoto, ma ciò che temevo nelle ultime settimane si sta avverando: sentivo che sarebbe mancato un certo tipo di atteggiamento, ma siamo in grado di ripartire e riprenderci. Tutti, dal primo all'ultimo, devono dare qualcosa in più. L'anno scorso abbiamo giocato due partite contro Roma e Fiorentina che avremmo potuto anche perdere, ma abbiamo sempre inseguito la vittoria. E ora sta mancando questo spirito. Dobbiamo assolutamente ritrovarlo, altrimenti faremo poca strada".Le ultime parole, sono quelle che tutti i tifosi granata attendono, lo stato di salute di Belotti. "Saranno determinanti le sue sensazioni. Sta forzando per capire il livello del fastidio, ma ci vuole cautela, non dobbiamo correre rischi. A livello medico ha fatto tutto, ora dobbiamo valutarlo sul campo: se superasse tutti gli step dovremmo a quel punto capire la sua resistenza in partita. Io lo vedo bene, ma deve essere sicuro lui".

Segnalazioni e Consigli. Scrivi alla  redazione di DataSport: segnalazioni@datasport.it