Sunderland, Di Canio: "Non sono razzista"

2013-04-02 10:58:55
Pubblicato il 2 aprile 2013 alle 10:58:55
Categoria: Notizie Premier
Autore: Redazione Datasport.it

"Non sono razzista. Questa storia è assolutamente stupida e ridicola". Paolo Di Canio risponde così alle critiche che gli sono piovute addosso dopo avere assunto la carica di allenatore del Sunderland. L'arrivo dell'ex laziale ha scatenato feroci polemiche: il laburista David Miliband, ex ministro degli Esteri britannico e nel board del club, si è dimesso in segno di protesta ("Di Canio è fascista") e diversi tifosi hanno espresso l'intenzione di disertare lo stadio.

"Chi mi conosce veramente cambia presto idea su di me - è la replica di Di Canio -. Quando giocavo in Inghilterra i miei migliori amici erano Trevor Sinclair e Chris Powell (entrambi neri, ndr)". Per quanto riguarda il calcio giocato, Di Canio si dice sicuro: "La stampa mi chiama l'italiano pazzo ma scommetterei qualsiasi cosa sulla salvezza del Sunderland". Il Sunderland è attualmente 16esimo in Premier League, a +1 sulla zona retrocessione.