Sunderland, Di Canio: "Non sono fascista"

2013-04-03 18:08:42
Pubblicato il 3 aprile 2013 alle 18:08:42
Categoria: Notizie Premier
Autore: Redazione Datasport.it

In molti se lo ricorderanno giocatore della Lazio esultare con il saluto romano ma Paolo Di Canio, neo allenatore del Sunderland, fa marcia indietro e dice di non essere fascista e razzista. Sul sito dei 'black cats' è stato affisso un comunicato con le parole dello stesso Di Canio sulla questione dopo che la sua nomina ad allenatore aveva provocato le dimissioni dell'ex ministro laburista David Miliband.

"Ho detto chiaramente che non intendo parlare di questioni diverse dal calcio, però sono stato profondamente ferito dagli attacchi contro la squadra. Questo è un club storico, orgoglioso e con etica. Sento che non dovrei continuamente giustificarmi però voglio dire una sola cosa: io non sono l'uomo che ad alcune persone piace ritrarre. Io non sono un politico, non mi sono affiliato a qualsiasi organizzazione, non sono un razzista e non condivido l'ideologia del fascismo. Io rispetto tutti", si legge nella nota.