Sneijder: "L'Inter mi ha calpestato, sogno il Milan"

2016-11-20 09:31:51
Sneijder:
Pubblicato il 20 novembre 2016 alle 09:31:51
Categoria: Serie A
Autore: Redazione Datasport.it

Nel giorno del derby Milan-Inter parla Wesley Sneijder, trequartista olandese che ha vestito la maglia nerazzurra, ha esordito con la squadra allora allenata da Mourinho proprio in una stracittadina ed è stato protagonista del mitico Triplete 2010, ma che da bambino sognava di vestire la casacca rossonera. "Giocare nel Milan era il mio sogno di quando ero bambino. Se tornassi in Italia vorrei giocare nel Milan", ha detto l'olandese del Galatasaray.

Nell'intervista alla Gazzetta dello Sport Sneijder sottolinea l'addio amaro all'Inter: "All'Inter ho dato tutto, ci ho messo il cuore, ma non è finita bene. Mi sono sentito calpestato. Via per soldi? Sciocchezze. Io sarei rimasto, a un certo punto ho pensato: sto qui e aspetto. Ma poi volevo giocare, un calciatore non può stare fermo tanti mesi. Avrei perso la nazionale, avrei perso soprattutto quello che amo, cioè stare in campo".

L'olandese non dimentica l'esordio nel derby nell'agosto 2009, appena arrivato dal Real Madrid: "Esordio nel derby? Come dimenticarselo. Arrivai il venerdì e Mourinho mi mise in campo il sabato". Infine Sneijder commenta l'esonero del connazionale Frank De Boer e parla con nostalgia di Massimo Moratti: "De Boer? L'Inter ha fatto male a mandarlo via, non si tratta così la gente. La verità è che l'Inter è finita con Moratti, mi spiace che se ne sia andato, così è finito tutto. C'è bisogno di uno che comanda, uno che si faccia rispettare. Cinesi? Chi sono, chi li vede, dove stanno? Sono sicuro che i giocatori neanche li conoscono".

Segnalazioni e Consigli. Scrivi alla  redazione di DataSport: segnalazioni@datasport.it