Serie B, Spezia-Lanciano 2-0: Nenè e Acampora stendono gli abruzzesi

2016-02-20 17:15:44
Pubblicato il 20 febbraio 2016 alle 17:15:44
Categoria: Serie B
Autore: Redazione Datasport.it

Al Picco continua il momento magico dello Spezia che sconfigge 2-0 il Lanciano con un gol per tempo. Gli aquilotti frenano la corsa dei ragazzi di Maragliulo che finora avevano sempre vinto con il nuovo tecnico in panchina. I liguri passano in vantaggio già al 7' con Nené che capitalizza al massimo un bel traversone di Migliore. La reazione del Lanciano è impalpabile e gli aquilotti vanno vicini al raddoppio ancora con Nenè che su angolo di Piccolo centra in  pieno la traversa. Nella ripresa gli spezzini vanno vicini al raddoppio con Situm che al 47' colpisce il palo a portiere battuto. Gli abruzzesi nella ripresa crescono ma Di Francesco si fa ipnotizzare da Chichizola e Terzi salva in extremis su Marilungo. Nel finale il neo entrato Acampora (86') chiude il match con una splendida iniziativa personale. Con questa vittoria lo Spezia balza in settima posizione e accorcia in zona playoff approfittando dei concomitanti passi falsi di Brescia, Cesena e Novara. Per il Lanciano, invece, due passi indietro rispetto alle recenti vittorie: Vastola e compagni restano terzultimi, e continuano a dover lottare per raggiungere la zona playout.

La prima frazione si apre subito con una clamorosa disattenzione di Terzi. L'esperto difensore ex Bologna apre un'autostrada a Ferrari ma il centravanti del Lanciano si fa chiudere dall'uscita tempestiva di Chichizola. Il brivido scuote i liguri che premono con vigore sull'out di sinistra sfruttando la giornata di ottima vena di Migliore e Situm. I bianconeri schiacciano il Lanciano nella propria metà campo e passano già al 7': ottimo cross di Migliore, Nenè svetta a centro area e beffa Cragno. Il Lanciano non reagisce e lo Spezia non cessa di premere. Al 12' Situm mette Piccolo davanti alla porta ma l'esterno fallisce il più classico dei gol dell'ex facendosi chiudere da Rigione. Al 19' è il turno di Sciaudone che non inquadra la porta dal limite. Un minuto dopo, ancora pericoloso Piccolo ma il suo destro da posizione angolata termina sull'esterno della rete. Al 26' prima occasione del Lanciano: ripartenza sull'asse Marilungo-Ferrari con il centravanti abruzzese che calcia fuori da buona posizione. Al 38' lo Spezia va nuovamente vicino al raddoppio con l'indiavolato Nené che centra la traversa di testa su angolo di Piccolo.

Nella ripresa lo Spezia prova subito a chiuderla ma Situm al 2' centra in pieno il palo a Cragno battuto. Lo spavento non muta l'atteggiamento degli ospiti che fino all'ora di gioco superano di rado la metà campo. Al 55' ancora pericoloso Nené che calcia alto. Maragliulo prova allora a scuotere i suoi coi cambi. E sembra riuscirci: al 62' Vastola salta due avversari e mette Di Francesco da solo davanti alla porta ma l'attaccante abruzzese viene chiuso da un uscita miracolosa dell'ottimo Chichizola. Di qui in poi la gara diventa equilibrata, con gli ospiti alla ricerca disperata del pari mentre lo Spezia inizia a perdere metri di campo e convinzione nei propri mezzi. Al 72' Nené fallisce l'ennesima occasione per il raddoppio calciando alto un ottimo invito di Vignali. E al 85' ecco che sembra compiersi la beffa: erroraccio di Postigo che spiana la via del gol a Marilungo. La punta ex Atalanta salta anche Chichizola ma viene chiuso sul più bello dall'intervento perentorio di Terzi che sventa la migliore occasione gol degli ospiti di tutto il match. Lo Spezia rischia grosso, ma il neoentrato Acampora decide di fare tutto da solo e chiude il match al 86' con una sassata che pietrifica un incolpevole Cragno. Termina così 2 a 0 con i liguri ormai lanciati in piena zona playoff e gli abruzzesi nuovamente inghiottiti verso il baratro della Lega Pro. Nella prossima giornata il Lanciano cercherà preziosi punti salvezza nella sfida interna contro il Bari di Camplone, mentre lo Spezia proverà ad allungare la propria striscia positiva nella trasferta di Terni.