Serie B - Palermo: arrivano gli inglesi

2018-12-04 12:12:11
Pubblicato il 4 dicembre 2018 alle 12:12:11
Categoria: Serie B
Autore: Redazione Datasport

La storia sembra ripetersi a distanza di secoli. Nel passato Palermo venne occupata e dominata da diversi popoli: normanni, svevi e spagnoli. Allora era ritenuta una città fondamentale per sviluppare il commercio nel Mediterraneo. Oggi ecco arrivare gli inglesi che sbarcano a Palermo per fare business nel mondo del calcio. Finalmente dopo tante smentite e misteri è stata svelata l'identità della nuova proprietà del Palermo calcio.

E' il fondo d'investimento inglese Global Futures Sports & Entertaiment LTD. Il maggiore azionista di questa società nata appena sei mesi fa con un capitale sociale di poco superiore ai duecento euro è Richardson (75%) che si avvarrà del supporto tecnico di David Platt conoscitore del nostro calcio per avere indossato le maglie di Bari, Samp e Juve negli anni novanta.

I tifosi rosanero hanno accolto come una liberazione questo passaggio di consegne tra Zamparini e la nuova società. Il patron friulano ha dichiarato di lasciare il Palermo in mani sicure. Qualche dubbio però è lecito averlo specialmente quando si legge di una società con un esiguo capitale sociale (non è un dato fondamentale ma è pur sempre un indicatore di solidità) e che in sei mesi ha dichiarato di servire centocinquanta atleti per un volume d'affari di oltre 500 milioni di sterline. Inoltre Richardson è in cerca di nuovi investitori da portar dentro al progetto Palermo.

Una cosa è certa: per finire in tranquillità la stagione, che i giocatori rosanero stanno disputando egregiamente, lontano dalle vicende societarie, servono almeno venti milioni di euro. Inoltre la nuova società dovrà risanare i buchi lasciati dall'imprenditore friulano. Infine dovranno investire sul nuovo stadio e sul centro sportivo e rinforzare la squadra per la prossima stagione. I tifosi palermitani si aspettano molto dai nuovi proprietari, ma soprattutto pretendono chiarezza e trasparenza virtù che Zamparini non sempre ha manifestato, secondo una tifoseria che l'aveva accolto come un re e che negli ultimi anni non vedeva l'ora lasciasse.

Dopo i tanti tesori che in epoche passate i colonizzatori hanno lasciato a Palermo arricchendola di monumenti ammirati da tutto il mondo, i tifosi si augurano che gli inglesi riescano a riempire la bacheca della società con prestigiosi trofei.

articolo redatto da Giuseppe Cinà