Serie B: le pagelle di Pescara-Reggina

2011-03-06 08:01:32
Pubblicato il 6 marzo 2011 alle 08:01:32
Categoria: Pagelle Serie B
Autore: Redazione Datasport.it

Le pagelle di Pescara-Reggina, terminata 0-0

PESCARA
Pinna 7 Quasi 36 anni e non sentirli. Continua l'imbattibilità interna del numero uno pescarese. Risponde alla grande ad Alessio Viola e a Campagnacci. Con un portiere così, non è complicato stare ad alta quota.
Capuano 6 Poche noie in un pomeriggio abbastanza tranquillo. Si limita a non combinare guai.
Olivi 6.5 Annulla grazie all'altezza Alessio Viola e si fa vedere anche in avanti. Il migliore del pacchetto arretrato.
Zanon 6 Barillà non sale sempre e lui risponde per le rime. Guardingo e vispo.
Mengoni 6 Fa buona guardia là dietro senza fare mai complimenti.
Petterini 6 Costringe Colombo alla ritirata e mette sempre pressione.
Soddimo 5.5 Cercasi lampi di genio. Un tiro sballato al 30' in una partita da dimenticare. Deludente.
Nicco s.v. Si fa subito male al ginocchio e deve lasciare il posto a Berardocco dopo otto minuti.
Gessa 6 Il lavoro sporco del rubapalloni e qualche buona idea.
Tognozzi 6 Da buon ex, sente la partita ed è nervoso. Randella nella zona calda del campo e rincorre tutti gli avversari.
Bonanni 6 Una spina nel fianco. Non sempre preciso sui tiri dalla bandierina.
Berardocco 6 Vince più di un duello e mezzo e non fa fatica a mettere ordine in mezzo.
Sansovini 5 Un attaccante a questo livello non può sbagliare ad un metro dalla porta. Un errore che pesa tantissimo oscura una partita di sacrificio.
Giacomelli 6.5 Il più sveglio, il più ispirato. Un cioccolatino nei piedi dello sprecone Sansovini e qualche fallo subito per favorire l'avanzata in massa per il Pescara nella ripresa.
Allenatore: Di Francesco 6.5 Si sgola, si sbraccia, urla. Fa quel che può, ma non può farci nulla se gli attaccanti non riescono a mettere dentro il pallone neanche da due passi.

REGGINA
Puggioni 7 La solita dose di miracoli per mettere al sicuro il risultato. Un ottimo numero uno.
Adejo 6.5 Un quasi assist per Campagnacci e tanta sostanza là dietro. Sembra essere tornato allo stato di forma di inizio campionato.
Acerbi 6.5 Una partita quasi perfetta in fase di copertura e di rilancio dell'azione.
Colombo 6 Macina qualche chilometro sulla sua corsia, ma fatica ad arrivare al cross. Certo, il terreno annacquato non lo aiuta. In parte giustificato.
Cosenza 6.5 Non conosce la timidezza, ma a volte cade nell'eccesso opposto. Buona tecnica sporcata dalla cattiveria.
Castiglia s.v. Una decina di minuti in campo per far tirare il fiato ad un generoso Barillà.
Barillà 6 La voglia di fare non gli manca. Ci prova, per carità, anche se non sempre in maniera efficace.
Zizzari 6 Prova a far salire subito la squadra. Visti il campo complicato e la stazza dei difensori, Atzori avrebbe dovuto puntare molto prima su di lui.
Tedesco 6 Il campo disastrato non agevola il suo lavoro di costruzione del gioco. Eppure, fa il suo ed è sempre presente quando il pallone scotta.
Rizzato 6.5 Un ottimo pallone per Campagnacci in avvio e tanta corsa. C'è e si vede con costanza.
De Rose 5.5 Rispetto al vulcano visto contro il Frosinone, si prende una giornata di riposo e non riesce a brillare.
Rizzo s.v. Una manciata di minuti in campo per perdere un po' di tempo nel finale.
Viola 5.5 Dopo un primo tempo in cui sfiora anche il gol, si spegne con il passare del tempo. Il lavoro richiesto, comunque, era a dir poco difficile: provare a svettare, per lui che non è altissimo, fra una serie di gendarmi.
Campagnacci 5.5 Si fa stregare da Pinna a pochi minuti dall'intervallo. Prova a far avanzare la squadra, ma non ha gioco facile.
Allenatore: Atzori 6 Una torre in più in avanti sarebbe stata fondamentale. Sta di fatto che non smette mai di aver fiducia dei suoi ragazzi, quasi tutti ventenni. Un punto importante su un campo tutt'altro che facile.