Serie B, Cesena-Avellino 1-2: rimonta irpina

2015-12-27 17:00:06
Pubblicato il 27 dicembre 2015 alle 17:00:06
Categoria: Notizie di attualità
Autore: Redazione Datasport.it

L'Avellino chiude col botto, il Cesena resta in crisi. Nella 21esima giornata di Serie B, ultima del 2015, gli irpini si impongono 2-1 in rimonta al Manuzzi e centrano la quinta vittoria consecutiva, acciuffando al settimo posto in classifica proprio i bianconeri, che nelle 11 uscite hanno conquistato solo due successi. E' Djuric ad illudere i padroni di casa con una bella girata, ma nella ripresa il diagonale di Bastien e il piattone di Castaldo mandando fanno volare i Lupi che si candidano ufficialmente per un posto nei playoff.

Drago
conferma il suo 4-3-3 ma lascia fuori Rosseti e Tabanelli, mentre Tesser non rinuncia al suo 4-3-1-2 con Bastien sulla trequarti al posto di Insigne. Il Cesena parte meglio e alla prima occasione trova la via del gol: minuto 13, cross da sinistra di Renzetti e perfetta girata mancina di Djuric che da centro area non lascia scampo a Frattali. La reazione dell'Avellino è poca cosa, fatta eccezione per un tiro di Bastien che sorvola non di molto la traversa: agli irpini manca mordente negli ultimi 16 metri. Così sono i padroni di casa a sfiorare due volte il raddoppio sul finale di frazione: prima (42') Caldara e Garritano non arrivano per un soffio a deviare in rete il tiro cross di Ragusa, poi (45') proprio Ragusa si allunga troppo la palla solo contro Frattali e permette al portiere l'uscita bassa. All'intervallo è dunque 1-0.

Nella ripresa l'Avellino cambia faccia e il ritmo cresce vertiginosamente. Il neoentrato Insigne impegna subito Agliardi e sugli sviluppi del corner, al minuto 53, arriva il pareggio dei Lupi: Bastien riceve palla sul vertice dell'area, si sposta la sfera sul mancino e infila un diagonale rasoterra nell'angolino più lontano. Il Cesena va in bambola e Agliardi al 55' è costretto al miracolo sul colpo di Castaldo. Ma il vantaggio degli ospiti è solo rimandato al 63': dopo che i bianconeri erano andati due volte vicini al gol prima con Ragusa (tap in fallito da un passo) e poi con Kessie (Chiosa salva sulla linea), Castaldo insacca il cross basso di Trotta con un piattone sotto l'incrocio. All'82' decisione severa dell'arbitro che espelle Arini per un brutto fallo, ma l'Avellino regge comunque: le conclusioni di Rosseti, Kessie e Ragusa non inquadrano lo specchio.

Possono festeggiare i tanti tifosi dell'Avellino che al rientro dopo la sosta ospiteranno al Partenio la Salernitana per il derby. Tutt'altro umore in casa Cesena, che nella prima di ritorno proverà a riscattarsi sul campo del Brescia.