Serie B: Abbruscato manda in crisi il Torino

2011-03-08 08:09:12
Pubblicato il 8 marzo 2011 alle 08:09:12
Categoria: Notizie di attualità
Autore: Redazione Datasport.it

La dura legge dell'ex. Abbruscato manda ko il Torino anche a Vicenza (1-0) ed ora la posizione di Lerda è fortemente a rischio. I granata, a dir la verità, non giocano una brutta gara, pur senza nove giocatori infortunati, ma non riescono ad essere concreti sottoporta e pagano le giornate no di Cavanda e Sgrigna. La squadra di Maran trova il gol decisivo su rigore e difende il vantaggio, grazie ad una prova praticamente impeccabile del proprio reparto arretrato. Ora i veneti possono sognare i playoff: hanno raggiunto proprio il Toro a quota 41 punti, con una partita in meno.

Tra i padroni di casa ci sono un paio di novità: in difesa c'è Giani e non Zanchi, mentre in attacco il titolare è Tulli al posto di Cellini. I granata, già decimati dagli infortuni, hanno perso anche Pratali nel riscaldamento, al suo posto gioca Cavanda. La squadra veneta inizia subito all'attacco e prova a mettere subito in difficoltà il Torino. Tuttavia, la formazione di Lerda si difende piuttosto bene e cresce con il passare dei minuti. Quando il match sembra annoiarsi un po', ecco la svolta: Botta si inserisce tra Cavanda e Bassi ed il portiere travolge il giocatore di casa. Per Guida è rigore e l'ex Abbruscato non sbaglia, portando avanti i suoi. Il Toro si riverse furiosamente in attacco ed ha una grande occasione con Antenucci, che spreca a tu per tu con il portiere.

Nella ripresa non cambia molto la trama della gara, visto che sono sempre i granata a fare la partita a caccia del pareggio. Tuttavia, non ci sono grandi emozioni, anche per la scarsa vena di Sgrigna, che fatica a servire palloni invitanti agli attaccanti. Gli ingressi di Gabionetta e Pellicori danno una spinta maggiore ai granata, che sono sfortunati a 20 minuti dalla fine: Bianchi colpisce a botta sicura da pochi metri, ma la palla colpisce in pieno la traversa. E' l'ultima grande occasione per gli ospiti, la cui pressione nel finale non porta a nulla, anzi è Abbruscato ad andare vicinissimo al 2-0, con Bassi che salva. Dopo tre minuti di recupero, c'è il triplice fischio di Guida con il Menti che esplode. Vicenza sogna.