Serie A: Verona-Atalanta 2-1, le pagelle

2016-02-03 23:45:49
Pubblicato il 3 febbraio 2016 alle 23:45:49
Categoria: Serie A
Autore: Redazione Datasport.it

Le pagelle di Verona-Atalanta, terminata 2-1.

VERONA
Gollini 6.5 - Decisivo su Diamanti e Gomez. I tre punti passano anche dai suoi guantoni. Provvidenziale.
Pisano 5.5 - Benino in fase di spinta, ha il merito di guadagnare l'espulsione dell'irruente Dramè di giornata. In difesa d'altro canto soffre contro chiunque. Osé.
Helander 6 - Mai troppo sicuro, ringrazia Gollini per il mancato secondo vantaggio bergamasco.
Albertazzi 5.5 - Soffre il piglio e l'incisività di Conti nella prima frazione. Lascia a Gilberto quando c'è da andare a spingere. Da rivedere.
Gilberto 6.5 - Entra e dà il suo contributo alla manovra dell’Hellas.
Emanuelson 6 L’ex milanista si vede poco ma gioca in modo ordinato.
Moras 5 - Pasticcia in occasione del vantaggio di Conti. Poi rischia un paio di volte dirigendo male un reparto mai troppo sicuro. Guida incerta.
Ionita 6 -Macina chilometri e lascia tutto quello che ha in una gara a cento all'ora. Giocatore vero.
Marrone 6 -Geometra senza compasso. Se ne sta sulle sue, retto dai polmoni immensi del compagno di reparto. Compitino.
Wszolek 7 -Il migliore dei suoi. Mette in costante imbarazzo Dramè e compagnia danzante, regala a Pazzini il cioccolatino del 2-1 e nel complesso fornisce una prestazione di altissima qualità. In crescita.
Pazzini 6.5 -Segna la rete decisiva nel momento più importante del match. Per il resto tanta lotta, solita scarsa precisione al tiro e qualche nervosismo di troppo. Il finale lo ripaga di tante giornate storte ma ancora deve trovare la sua dimensione.
Siligardi 6.5 -Gol a parte combina pochissimo. Gol a parte, però.
Juanito Gomez s.v. Entra nel finale, troppo poco per essere giudicato.
Toni 6 - Fa a sportellate, apre spazi per i compagni ma per una volta non lascia segno sul tabellino. Poco male, quando si vince.

All.: Delneri 6.5 -Osa e ha ragione. Il suo Verona ha evidenti limiti in difesa ma lotta, corre e per una volta ha anche quel pizzico di buona sorte che era sempre mancato. Segnali di risveglio, se la squadra ci crede può continuare a inseguire un sogno.

ATALANTA
Sportiello 6 -Poco chiamato in causa. Salva su Toni nella ripresa poi capitola senza colpe su Pazzini. Gara senza troppi squilli.
Conti 6.5 - Mezzo voto in più per il primo gol di una carriera che si spera brillante. Gioca bene in fase di spinta dove non butta mai via il pallone. Da rivedere ancora dietro, dove ha qualche colpe sul pareggio di Siligardi. Ottimo prospetto.
Masiello 5.5 - Entra molle su Siligardi in occasione del pareggio e non è mai troppo puntuale nelle chiusure. Svagato.
Dramé 4 -Partita da dimenticare per il tornante bergamasco. Già ammonito stende Pisano e si becca il secondo giallo con un intervento di rara ingenuità. Per il resto soffre come un pazzo le continue accelerazioni di Wszolek. Da censura.
Raimondi 5.5 -Mai uno spunto in fase offensiva, poco presente in fase difensiva. Un cambio poco azzeccato per Reja.
Brivio 5.5 -Entra per dare maggiore equilibrio quando gli equilibri in campo sono spariti del tutto. Sostanzialmente inutile.
Cherubin 6 - Non sbanda ma nel momento di massima difficoltà cade come tutta l'Atalanta.
Toloi 6 -Concede poco a Pazzini e Toni ma quel poco pesa parecchio. Mazziato.
Gomez 6 - Crea scompigli ma per una volta non riesce a essere decisivo nei momenti importanti. Merita di rifiatare.
Diamanti 6 -Inventa, corre e calcia come ai vecchi tempi. Ma non ha più la freddezza di un tempo e Gollini gli strozza l'urlo in gola. Cavallo di ritorno.
Migliaccio 5 - Male. La buona volontà non basta, la gara dei bergamaschi difetta lì nel mezzo. E e colpe sono soprattutto sue.
De Roon 6 - Molto nervoso con Pazzini nella ripresa, resta l'uomo d'ordine di una squadra che però deve lavorare per ritrovare antichi equilibri. Comunque puntuale e preciso si lascia andare innervosito da un finale deludente. Irrequieto.
Borriello 6 -I suoi movimenti fruttano il vantaggio ma non riesce mai a farsi trovare pronto negli ultimi metri. Poco puntuale, nel finale lascia per il redivivo Pinilla.
Pinilla s.v. -Torna dopo un lungo stop. Nei dieci minuti concessigli tanto nervosismo, un'ammonizione presa e zero palloni giocati. Non il migliore dei rientri possibile.

All.: Reja 5.5 -Cambi poco azzeccati e forse anche il 3-4-3 era da provare in altre occasioni. Promette bene il nuovo tridente, ma la giornataccia di Dramé ne pregiudica la prestazione. In discesa.