Serie A, Palermo-Fiorentina: formazioni, diretta, pagelle. Live

2016-01-03 17:15:53
Pubblicato il 3 gennaio 2016 alle 17:15:53
Categoria: Notizie di attualità
Autore: Redazione Datasport.it

La Fiorentina espugna meritatamente il Barbera, battendo per 3-1 un Palermo che concede troppo nel primo tempo e si sveglia tardi nella ripresa. La gara, infatti, viene decisa già nella prima frazione dalla doppietta dell’ex rosanero Ilicic, mentre il gol dell’altro ex, Gilardino, serve solo a ravvivare le speranze dei suoi, prima del sigillo di Blaszczykowski nel recupero. La squadra di Sousa conquista così la vetta della classifica, in attesa delle gare di Inter e Napoli, mentre quella di Ballardini subisce la seconda sconfitta consecutiva e non riesce ad allontanarsi dal quartultimo posto.

Sin dalle battute iniziali, è la Fiorentina a imporre il proprio gioco, gestendo con qualità il possesso palla e cercando di affondare con gli inserimenti degli esterni e dei due trequartisti. Il primo pericolo creato dagli uomini di Sousa arriva così al 10’, quando Roncaglia lancia sulla sinistra Alonso, che mette un gran cross rasoterra sul primo palo, dove Kalinic, solissimo a pochi passi dalla porta, manda incredibilmente a lato aprendo troppo il piatto destro. Passano solo tre minuti e il croato si fa perdonare, servendo Ilicic dopo un bel velo dello stesso sloveno che, controllando la palla, salta con un tunnel Goldaniga, per poi mettere alle spalle di Sorrentino con un interno destro sul primo palo. Il primo tempo è un monologo viola e al 20’, su una palla persa da Vazquez, Vecino calcia col destro da fuori, trovando la grande respinta coi pugni di Sorrentino. Il Palermo prova ad affacciarsi in avanti, ma senza creare vere e proprie occasioni, consentendo ai viola di giocare con calma e raddoppiare nel finale di frazione. Al 42’ Kalinic ruba palla a Goldaniga e serve al limite dell’area Ilicic che, dopo lo stop, calcia a giro sul primo palo col mancino, battendo Sorrentino sotto l’incrocio. Prima della fine del primo tempo, che si chiude sul 2-0 per gli ospiti, c’è spazio per un’azione incredibile di Borja Valero che, dopo aver saltato tre uomini sulla sinistra, sbaglia però l’assist per Kalinic.

Nella ripresa Ballardini schiera i rosanero a specchio rispetto al 3-4-2-1 viola e riesce a riequilibrare la gara, anche se, al 53’, sono gli uomini di Sousa a sfiorare il 3-0, quando Badelj lancia bene Kalinic, che viene però chiuso da un’ottima uscita di Sorrentino. La prima vera occasione del Palermo arriva al 64’: su un cross dalla sinistra di Lazaar, Astori colpisce male di testa e rischia l'autorete, ma trova un gran riflesso di Tatarusanu, che salva la porta viola. Gli uomini di Ballardini sono però più propositivi e trovano meritatamente il gol che accorcia le distanze: al 77’ Morganella lavora bene sulla destra e serve Vazquez, che crossa sul primo palo, dove Gilardino stacca in anticipo e batte di testa Tatarusanu da pochi passi. Il Palermo, però, non riesce più a impensierire i viola, che, anzi, sigillano il risultato nel terzo dei quattro minuti di recupero: Borja Valero mette Blaszczykowski solo davanti a Sorrentino e il polacco deve solo controllare e battere il portiere con un preciso diagonale di destro. La gara termina così con la vittoria per 3-1 della Fiorentina, che si lancia al comando della classifica, in attesa delle gare dell’Inter a Empoli (ore 18) e del Napoli in casa col Torino (ore 20.45). La squadra di Ballardini rimane invece sempre più invischiata nella lotta per la salvezza, a più tre sul Frosinone terz’ultimo.