Serie A, Napoli-Torino: formazioni, diretta, pagelle. Live

2016-01-06 22:50:04
Pubblicato il 6 gennaio 2016 alle 22:50:04
Categoria: Notizie di attualità
Autore: Redazione Datasport.it

Un grande primo tempo, una ripresa a ritmi ridotti: il Napoli chiude in affanno ma supera senza grossi problemi il Torino. Al San Paolo finisce 2-1, grazie alle reti di Insigne e Hamsik nella prima frazione: in mezzo il gol su calcio di rigore di Quagliarella. Gli uomini di Sarri rispondono a Inter, Fiorentina e Juventus, salendo a quota 38 in classifica, agganciando i Viola e portandosi a -1 dai nerazzurri primi della classe. I granata restano fermi a 22 punti, ripresi dal Bologna.

Jorginho è squalificato e il 2016 azzurro si apre con Valdifiori in cabina di regia, affiancato dalla sorpresa David Lopez, preferito ad Allan. Ventura si affida al tandem Belotti-Quagliarella, lasciando in panchina Maxi Lopez. L'avvio di gara è subito di marca napoletana, con Higuain smanioso di mettersi in mostra: si gioca di fretta, con grandi verticalizzazioni alla ricerca dei tre tenori azzurri. Poco dopo il quarto d'ora si sblocca il match: Higuain serve Callejon che tocca di prima per Insigne, tocco d'istinto col destro e pallonetto strepitoso che ipnotizza Padelli per l'1-0. Il Napoli carbura, il Torino fatica, ma il fulmine a ciel sereno è dietro l'angolo: Ghoulam stende un propositivo Bruno Peres in area, dal dischetto Quagliarella fa l'1-1 senza esultare al 33'. L'equilibrio dura solo otto minuti: ancora Insigne trova l'intuizione geniale e il corridoio per Hamsik, bravo a bucare Padelli con un mancino velenoso. Si va al riposo sul 2-1.

Dopo un primo tempo frizzante la ripresa non offre gli stessi spunti: la manovra azzurra rallenta e iniziano ad emergere errori nel giro palla, cosa assolutamente evitata ad inizio ripresa. Mettiamoci anche le difficoltà del Toro ad organizzare la manovra (anche per via del pressing alto degli avversari) e il gioco è fatto: gara bloccata, Higuain ingabbiato da un Glik in versione 'wall' e che rischia di sbloccarsi solo su calcio da fermo. Punizione per Insigne e palla che centra la parte alta della traversa. Da questa situazione il Torino trae però linfa vitale: i ragazzi di Ventura alzano leggermente il baricentro, facendosi vedere dalle parti di Reina. Nel frattempo Di Bello allontana dal campo sia Ventura che Sarri, per proteste. L'unico vero squillo granata arriva da Maxi Lopez: bella discesa di Zappacosta e palla al centro per il colpo di tacco dell'argentino. Grande idea, ma conclusione centrale. Il Napoli chiude in affanno, ma senza patemi: la corsa continua domenica prossima a Frosinone.