Serie A: muro Bari, il Milan resta a +5

2011-03-14 08:00:00
Pubblicato il 14 marzo 2011 alle 08:00:00
Categoria: Serie A
Autore: Redazione Datasport.it

Il campionato è più aperto che mai. Il Milan racimola un pareggio contro l'ultima in classifica Bari. E l'1-1 arriva in rimonta, dopo che Rudolf aveva trafitto Abbiati nel primo tempo. In una ripresa pazza, in cui Ibrahimovic viene espulso per un fallo di reazione, i rossoneri evitano il tracollo grazie a Cassano, alla seconda rete con la nuova maglia. Allegri resta a +5 su Leonardo e il derby previsto fra tre settimane acquista ancor più interesse.

Ci si aspettava un dominio del Milan, chiamato a cancellare la delusione dell'eliminazione dalla Champions. E dominio è, ma solo territoriale: i rossoneri in tutto il primo parziale non costruiscono alcuna azione degna di nota se non da calcio piazzato. Gillet effettua il primo intervento solo al 27' sulla fucilata di Ibrahimovic. Il Bari fa muro davanti all'estremo belga, ma non disdegna le ripartenze con Codrea e Almiron lucidi registi. Proprio su un'invenzione dell'argentino nasce il vantaggio pugliese: schema su punizione, servito Rudolf in completa solitudine in area. Stop e girata in diagonale, Abbiati può solo guardare.

Ibrahimovic lotta con il guardalinee e la sua bandierina, Robinho corre a vuoto, Pato non si accende. Allegri inserisce Emanuelson per dare spinta e poco dopo Cassano. Il Milan comincia a girare: al 46' e al 60' due reti annullate, rispettivamente a Robinho per fuorigioco e a Ibrahimovic per fallo di mano. Nella seconda occasione lo svedese prende il giallo e s'innervosisce: prologo dell'ingenuo cartellino rosso per fallo di reazione su Marco Rossi. Un pugno al fianco del centrale barese che potrebbe significare 'addio derby'.

Paradossalmente l'inferiorità numerica sveglia il Milan: all'82' Antonini sfugge a sinistra e pennella il cross sul destro di Cassano, volée perfetta che trafigge Gillet. Il Bari è vivo e con Huseklepp e Bentivoglio sfiora la seconda marcatura. L'ultimo sussulto al 90': Gillet si oppone ad Abate, poi Almiron respinge la ribattuta a colpo sicuro di Emanuelson. Quando Brighi fischia la fine, si diffonde odore di occasione persa. Ma per come si era messa, quello del Milan è un punto guadagnato.