Serie A: Inter-Verona 1-0, le pagelle

2015-09-23 23:30:17
Serie A: Inter-Verona 1-0, le pagelle
Pubblicato il 23 settembre 2015 alle 23:30:17
Categoria: Serie A
Autore: Redazione Datasport.it

Rivivi le emozioni di Inter-Verona: cronaca, pagelle e tabellino

Le pagelle di Inter-Verona, terminata 1-0.

INTER

Handanovic 6 Sul pallonetto di Sala è graziato, bravo ad opporsi sulla sventola di Siligardi.
Telles 6 Nel primo tempo soffre le combinazioni fra Sala e Pisano e sbaglia parecchio. Nella ripresa fa leggermente meglio, bucando in occasione della traversa del Verona, ma rifacendosi con l'assist per Melo da corner.
Ranocchia s.v. Spiccioli di gara.
Santon 6 Nel primo tempo è il più pimpante dei suoi, bravo a smarcarsi e a crossare sulla destra. Nella seconda frazione cala, disputando comunque una buona prova.
Miranda 6 Poco appariscente ma rude al punto giusto: rientra in campo con discrezione. Il duello con Pazzini dura troppo poco, per il resto è ordinaria amministrazione.
Felipe Melo 7 La sua gara è da 6 perchè soprattutto nel primo tempo i suoi ritmi appaiono compassati ed influenzano l'Inter. Ma nel momento più difficile sfodera la testata vincente: decisivo e sempre più leader. Guarin 5.5 Non al livello delle ultime prove: vaga per il campo senza riuscire ad incidere. Qualche spunto e poco altro.
Medel 6.5 Generoso, determinato e pronto a dare una mano a tutti: ennesima ottima prova da centrale difensivo del cileno.
Kondogbia 5.5 Meno incisivo del solito, qualche palla sbagliata di troppo: alterna buone giocate ad errori grossolani. Mancini lo toglie, tirare il fiato gli avrà fatto bene.
Perisic 5.5 Fatica ad accendersi, non è ancora entrato al meglio negli ingranaggi nerazzurri: le qualità sono indubbie, un paio di conclusioni insidiose e poco altro.
Ljajic 5.5 All'esordio, rimandato: ha voglia di farsi vedere, ma finisce col tenere troppo la palla fra i piedi. Non trova il guizzo vincente.
Biabiany 6 Bentornato: al di là del risultato il ritorno in campo del francese è una lieta novella. Qualche accelerazione delle sue.
Icardi 6 Servito poco e male, soffre l'assenza di Jovetic. Cerca di darsi da fare, partecipa alla manovra come può e strappa la sufficienza per la voglia con cui aggredisce ogni pallone.
Jovetic 6.5 Entra subito dopo l'1-0 e accende la luce con un assist super per Perisic. L'Inter ha bisogno come il pane del suo immenso talento.

All. Mancini 7 Il quinto successo è firmato Felipe Melo, la sua vittoria più grande: l'Inter è una macchina compatta che pur non giocando bene concede pochissimo agli avversari. Poi è anche fortunato, che non guasta: vedi traversa di Sala. Predica calma, ma i distacchi su Milan, Roma, Napoli e Juventus iniziano a diventare importanti.

VERONA

Rafael 6.5 Un paio di interventi super e tanta attenzione: sul gol di Felipe Melo non può nulla.
Pisano 6 Bravo nel primo tempo a creare una catena funzionale con Sala, che manda a spasso Alex Telles. Poi cala vistosamente.
Helander 5.5 Il più in difficoltà del pacchetto arretrato, opposto allo sgusciante (seppur confusionario) Ljajic e poi a Jovetic.
Bianchetti 6 Bravo nelle diagonali e nel chiudere su Perisic: non soffre particolarmente il tridente nerazzurro.
Albertazzi 5 In apnea per tutto l'incontro: Santon agisce indisturbato sulla sua fascia, quindi commette parecchi errori. Da rivedere.
Souprayen s.v. Venti minuti senza incidere.
Moras 6 Anche lui come Bianchetti tiene bene, l'urto non irresistibile dell'Inter.
Viviani 6 Meno brillante e incisivo che in altre occasioni, soffre la fisicità del centrocampo dell'Inter: trova comunque lo spazio per un paio dei suoi lanci.
Sala 6.5 Il migliore dei suoi: mette in difficoltà Telles e va ad una manciata di centimetri dal gol che avrebbe potuto sbloccare l'incontro. La sua è una traversa clamorosa.
Greco 6 Lotta come un leone, le prende e le da contro i colossi nerazzurri. Trova anche il tempo di lavorare un pallone stupendo per Siligardi, che spreca tutto.
Zaccagni 6 Che personalità per questo ragazzino classe 1995: entra e rifila un calcetto a Telles, quindi sfodera una bella conclusione dalla distanza. Da riproporre.
Pazzini s.v. Re della sfortuna: il ko di Toni gli spalanca le porte dell'attacco scaligero, un infortunio lo sbatte di nuovo nella polvere.
Juanito 5.5 Inizia bene, poi finisce col naufragare nella marea nerazzurra. Cerca di duettare con Siligardi, ma finisce risucchiato da Medel-Miranda.
Siligardi 5.5 Non è un centravanti e si vede. Prova a duettare con Juanito, senza fortuna. Il sinistro c'è e lo fa vedere nella ripresa, ma al momento opportuno gli rimane in canna.

All. Mandorlini 6 Assolto: il suo Verona gioca un buon primo tempo, ma le assenze di Toni e Pazzini pesano troppo sull'economia del gioco veronese.

Segnalazioni e Consigli. Scrivi alla  redazione di DataSport: segnalazioni@datasport.it