Serie A: Frosinone-Milan 2-4, le pagelle

2015-12-20 22:04:31
Pubblicato il 20 dicembre 2015 alle 22:04:31
Categoria: Pagelle Serie A
Autore: Redazione Datasport.it

Le pagelle di Frosinone-Milan, terminata 2-4

FROSINONE
Leali 6.5 Doppio miracolo in apertura su Niang e Bacca, incolpevole sui quattro gol incassati.
Pavlovic 5.5 Sulla sua fascia ci sono Abate e Honda: in difesa fatica a contenerli, in attacco si fa vedere in qualche occasione e fornisce l'assist su punizione per il 2-3 momentaneo di Dionisi.
Blanchard 5 Tiene un tempo su Bacca, nella ripresa il colombiano lo anticipa sempre e lui cala.
M. Ciofani 5 Nonostante Bonaventura non sia al meglio, soffre terribilmente i suoi inserimenti e non riesce mai a trovare il tempo della marcatura sul rossonero.
Diakité 5.5 Niang svaria spesso nella sua zona di competenza, ma lui non soffre in modo particolare i movimenti del francese. Ha sulla coscienza il 3-1 di Alex, perso completamente in area.
Tonev 6.5 Partecipa all'ottimo primo tempo frusinate e sfiora il momentaneo 2-0 con un bolide a inizio ripresa
Soddimo 6.5 Quasi tutti i pericoli della squadra di Stellone arrivano dai suoi piedi. Nella ripresa sfiora il gol su punizione. Paganini 5.5 Mezz'ora in campo nel finale ma non cambia le sorti del match
Gori 6.5 Un'ora ad alta intensità e un gol sfiorato, poi viene sostituito.
Sammarco 5.5 Non incide sul match per tutta la partita, prestazione incolore.
Chibsah 5.5 Stellone lo mette in campo per dar forze nuove al centrocampo ma Bertolacci e Montolivo nel finale fanno quello che vogliono
D. Ciofani 6.5 Non sbaglia in apertura sull'assist di Dionisi: rende la vita difficile alla coppia centrale rossonera
Dionisi 6.5 Fornisce l'assist per l'1-0 di Ciofani e tiene in vita nel finale il Frosinone segnando il 2-3
Longo s.v. Sostituisce Matteo Ciofani a inizio recupero ma non ha palloni giocabili.
All. Stellone 6 L'idea di aggredire il Milan è corretta e lo premia nel primo tempo: Donnarumma in diverse circostanze non sa a chi dare il pallone a inizio azione. La maggior qualità dei rossoneri alla lunga decide il match. Restano evidenti i problemi in fase difensiva.

MILAN
Donnarumma 6 Non può nulla sulle due marcature dei padroni di casa
Romagnoli 5.5 Non è la sua miglior partita. Manca di concentrazione: l'emblema è l'ammonizione che prende dopo un disimpegno sbagliato nella ripresa
Abate 6.5 Funziona la catena destra con Honda: torna al gol in Serie A dopo oltre due anni e rimette in carreggiata il Milan a inizio ripresa
De Sciglio 5.5 Partecipa alla prima frazione da incubo e ci aggiunge anche un secondo tempo non eccellente: sbaglia passaggi banali e sul gol dorme su Dionisi.
Alex 6.5 Primo gol in campionato per il brasiliano, che sfrutta al meglio il corner di Niang dalla destra e insacca sul palo lontano.
Bertolacci 7 Insieme a Bonaventura è l'unico che, palla al piede, cerca di proporre qualcosa, che ha idee. Infortunio a parte, conferma la crescita dopo i primi due mesi da incubo nel Milan.
Poli s.v. Entra poco prima del recupero e fa l'assist per il 4-2 di Bonaventura.
Bonaventura 6.5 Non è nelle migliori condizioni, sbaglia la scelta negli ultimi passaggi in diverse azioni rossonere, ma dà qualità sul fronte sinistro offensivo del Milan: anche oggi un assist e un gol per il numero 28.
Honda 6.5 Primo tempo sottoritmo e con tante imprecisioni, nella ripresa anche le sue giocate svoltano il match.
Montolivo 6 Prestazione a due facce: nel primo tempo non dà rapidità al gioco e non dà nemmeno copertura (vedasi gol del Frosinone), nella ripresa cresce e con Bertolacci gestisce i tempi a centrocampo.
Bacca 6.5 Al posto giusto, al momento giusto: il colombiano firma l'ottavo centro in campionato, il terzo consecutivo (Coppa Italia compresa). Cresce l'intesa con Niang.
Luiz Adriano 6.5 Entra bene in campo: dieci minuti di palloni difese e movimenti per i compagni.
Niang 6 Diakitè è in una buona giornata e nell'uno contro uno non riesce mai a saltarlo, ma il francese è sempre prezioso nel gioco di squadra. Nella ripresa sbaglia una buona occasione da gol

All. Mihajlovic 6.5 Rischia Bertolacci e Bonaventura, non al meglio, e il risultato gli dà ragione, dopo una brutta prima frazione. Restano i problemi di qualità in alcune zone del campo.