Serie A: Carpi-Palermo 1-1, le pagelle

2016-01-30 18:00:54
Pubblicato il 30 gennaio 2016 alle 18:00:54
Categoria: Serie A
Autore: Redazione Datasport.it

Le pagelle di Carpi-Palermo terminata 1-1

CARPI

Belec 6.5 Non può niente sulla rete di Gilardino ma effettua una serie di uscite che mantengono il risultato sul pareggio.
Zaccardo 6 La sua esperienza si fa sentire nelle occasioni pericolose. Gestisce la linea difensiva al meglio.
Poli 6 Buona la sua fase difensiva, nonostante qualche difficoltà nella prima frazione di gioco.
Letizia 6.5 L'esterno gioca una grande partita, percorrendo senza sosta la fascia. Buona la fase deifensiva ma ancora meglio quella offensiva.
Gagliolo 6.5 Un paio di entrate nel finale salvano il pareggio conquistato.
Romagnoli 6 Insieme ai compagni di reparto, gioca una partita attenta. Meglio nella ripresa.
Di Gaudio 6 Buono il suo primo tempo, fatto di tante incursioni sulla fascia sinistra. Nella ripresa cala un po' e sul finale sbaglia completamente l'occasione che avrebbe regalato la vittoria ai suoi.
Cofie 5 Non una buona gara la sua; Castori lo richiama in panchina dopo il primo tempo.
Lollo 6 Meglio la seconda frazione di gioco del centrocampista. L'ingresso di Lasagna gli concede più spazio dietro le punte.
Crimi 6.5 Il suo ingresso porta freschezza nel centrocampo emiliano. In venti minuti però non riesce a fare la differenza.
Bianco 6.5 E' il perno centrale della linea mediana emiliana. Meglio la prima frazione di gioco. Nella ripresa non riesce a mantere il ritmo del primo tempo.
Mbakogu 6 Si fa vedere in tutto il fronte d’attacco e alza il baricentro della formazione. Troppo spesso però la punta è isolata e non può fare molto. Castori lo richiama dopo un'oretta di gioco.
Lasagna 6 Ci mette tutta la buona volontà e la cattiveria agonistica ma non riesce a trovare la rete decisiva come ha fatto a San Siro.
Mancosu 6.5 In mezz'ora conquista il rigore e segna la rete che porta al pareggio i suoi. Nel finale ci prova in tutti i modi ma il risultato non cambia.

Allenatore
Castori 6.5
E' il 5' risultato utile consecutivo (2 vittorie e 3 pareggi). La formazione gioca bene ma oggi incomincia a spingere con insistenza solo negli ultimi 20 minuti, dopo il pareggio. Si può fare di più.

PALERMO
Sorrentino 6.5 Nel finale, l'estremo difensore siciliano effettua un paio di parate che tengono a galla i compagni.
Lazaar 6 Le sue continue discese lungo la fascia sono sempre un pericolo per gli avversari. Nel finale poi aumenta d'intensità, mettendo in crisi la difesa emiliana.
Struna 6.5 Impeccabile il suo primo tempo; tanta intensità anche in fase offensiva, quando accompagna l’azione dei compagni sulla fascia destra.
Goldaniga 5.5 In più occasioni salva i suoi chiudendo benissimo su Mbakogu. Male nell’entrata che regala il rigore e il pareggio a Mancosu
Gonzalez 5.5 Il difensore viene anche ammonito per una protesta inutile nell'occasione del rigore. Non una grande gara la sua.
Cristante 5.5 Tedesco lo inserisce al posto di Gilardino per mettere più sostanza a centrocampo. Ci si aspetta di più.
Vazquez 7 E' la mente della formazione siciliana; dai suoi piedi partono le migliori occasioni. Gli avversari provano a fermarlo in tutti i modi, anche in maniera irregolare ma l'aregentino oggi è incontenibile.
Chochev 5.5 Il centrocampista non gioca una grande gara. Poca sostanza a centrocampo.
Jajalo 6.5 Bravo a presidiare la zona centrale del campo, non permettendo agli avversari grandi discese sulla linea mediana. Cresce molto nel secondo tempo.
Hiljemark 6.5 Buona la gara del numero 10, autore anche del passaggio che permette la rete a Gilardino.
Quaison 5 L'attaccante oggi non riesce a rendersi protagonista se non per un giallo. Troppo poco.
Gilardino 6.5 La punta segna un gol di rara bellezza: il dribbling di tacco è una perla. La sua esperienza si fa sentire per tutti i 65 minuti.
Trajkovski 6 L'attaccante ci prova in tutti i modi, nel finale, ma la difesa emiliana è attenta. Sull'assist perfetto di Vazquez è Belec a negargli la gioia del gol.

Allenatore
Tedesco 6
All'esordio sulla panchina, l'allenatore non sbaglia la formazione e i cambi sono quelli giusti. Ancora deve conoscere bene la squadra.