Serie A: Caracciolo gela l\'Inter, è 1-1 a Brescia

2011-03-12 08:02:00
Pubblicato il 12 marzo 2011 alle 08:02:00
Categoria: Serie A
Autore: Redazione Datasport.it

L'Inter non va oltre l'1-1 a Brescia e rischia di trovarsi a -7 dal Milan, se i rossoneri batteranno il Bari domenica all'ora di pranzo. Un mezzo passo falso molto importante, subìto a cinque minuti dalla fine, che potrebbe compromettere la volata scudetto, quando inizia ad esserci davvero poco tempo per recuperare. I nerazzurri sprecano in più occasioni la possibilità di raddoppiare e vengono puniti da Caracciolo e da un Brescia che merita il punto conquistato. Le rondinelle giocano un ottimo secondo tempo e sprecano, con lo stesso attaccante, il rigore della vittoria ad un minuto dal termine.

Leonardo decide per una formazione d'attacco con in campo anche Pandev dall'inizio, per un 4-2-3-1 con Pazzini unica punta. C'è solo una novità anche per Iachini: al centro di difesa c'è Bega e non Zambelli, mentre in attacco c'è la coppia Diamanti-Caracciolo. Dopo un buon inizio dei padroni di casa, i nerazzurri prendono in mano la partita e passano alla prima vera occasione, con la zampata del 'solito' Eto'o, dopo un tocco di Ranocchia. Il Brescia subisce un po' il colpo, ma l'Inter pensa più a controllare la partita, che ad andare alla ricerca del gol della sicurezza.

La ripresa vede i padroni di casa più propositivi, che si rendono subito pericolosi con due conclusioni di Caracciolo su cui è reattivo Julio Cesar. L'Inter sfrutta, però il contropiede e crea più di una possibilità per raddoppiare. E' sfortunata sul palo di Sneijder, poi deve mangiarsi le mani per le due occasioni sprecate da Pandev, su cui è anche molto pronto Arcari. Così, quando il match sembra avviato verso lo 0-1, arriva il pari bresciano: Cordoba svirgola malamente di testa e serve praticamente l'assist a Caracciolo per l'1-1. L'airone avrebbe anche la possibilità di vincere la partita, ma Julio Cesar lo ipnotizza sul calcio di rigore e così si chiude sull'1-1. Un punto che fa decisamente più morale per il Brescia, mentre l'Inter rischia di salutare la lotta tricolore.