Sei Nazioni 2016: Irlanda-Italia 58-15, gli highlights. Video

2016-03-12 17:29:08
Pubblicato il 12 marzo 2016 alle 17:29:08
Categoria: Rugby
Autore: Redazione Datasport.it

La peggiore Italia del Sei Nazioni 2016 esce sconfitta dall'Aviva Stadium per 58-15 contro un'Irlanda campione in carica ma ancora a secco di vittorie in questa edizione. Dopo un buon avvio con Garcia fermato a un passo dalla meta, il XV di Joe Schmidt prende subito il largo andando a segno nel primo tempo con Trimble, McGrath, Stander e Heaslip. Nella ripresa la definitva resa nonostante le mete di Odiete e Sarto che fissano il punteggio sul 58-15.

Serviva un’impresa a un’Italia uscita con le ossa rotte dal match dell’Olimpico con la Scozia. E invece all’Aviva Stadium di Dublino gli azzurri durano appena il tempo di scendere in campo, fermarsi a un metro dalla riga di meta e alzare bandiera bianca dopo neppure dieci minuti quando Trimble e McGrath aprono le danze delle marcature irlandesi (12-0). Padovani calcia per tenerci in partita (12-3), Stander e Heaslip tagliano in due una difesa che non porta mai pressione e alla fine del primo tempo la superiorità dei padroni di casa è a tratti imbarazzante non solo nel punteggio (25-3) quanto nel dominio assoluto del campo.

Senza la mediana titolare, con Padovani e Palazzani al posto degli infortunati Canna e Gori,  il XV di Brunel fatica a costruire gioco. L’Irlanda, d’altra parte, gioca con la rabbia dei campioni in carica ancora alla ricerca del primo successo e anche la ripresa diventa un monologo verde. Payne e Heaslip allungano fino al 39-3, Odiete arriva alla bandierina schiacciando il 39-8 (meta trasformata da Haimona, 39-10), poi ci pensa Madigan, due volte, a fissare il punteggio finale sul 58-15 perché nel mezzo alle realizzazioni dell’apertura irlandese Sarto segna la seconda meta azzurra.

È la peggior sconfitta dell’Italia contro l’Irlanda nella storia del Sei Nazioni, una disfatta che però può essere lo spunto per una severa autocritica sul movimento rugbystico italiano. Lo dice anche capitan Parisse a fine partita: “Questa squadra è giovane, molti ragazzi hanno pochissima esperienza in Nazionale - dice Parisse - ma sono convinto che hanno imparato molto di più in questo Sei Nazioni che in una stagione intera in Italia. Ci sono tante qualità, ma non è possibile accontentarsi di giocare nelle Zebre o a Treviso”. Parola di capitano, non solo dell’Italia ma anche dello Stade Francais campione di Francia. Dove il rugby è il primo sport nazionale.