Russia 2018, qualificazioni: festa Islanda, Serbia e Irlanda a braccetto

2016-10-10 00:07:03
Russia 2018, qualificazioni: festa Islanda, Serbia e Irlanda a braccetto
Pubblicato il 10 ottobre 2016 alle 00:07:03
Categoria: Nazionali
Autore: Redazione Datasport.it

La conferma di un'Islanda che va, la sorpresa del Galles che si ferma: sono questi i principali verdetti della terza giornata di qualificazione ai Mondiali di Russia 2018, con i nordici che battono 2-0 la Turchia e i britannici bloccati sull'1-1 dalla Georgia. Sorridono Serbia e Irlanda, avanti a braccetto nel (girone D) grazie ai rispettivi successi per 3-2 su Austria e 1-3 in Moldavia. Prima vittoria di Shevchenko da ct dell'Ucraina: l'ex attaccante del Milan guida i suoi alla vittoria per 3-0 sul Kosovo (Girone I). Nello stesso gruppo sorride la Croazia che, col minimo sforzo, vince 1-0 in Finlandia: decide Mandzukic.

GIRONE D
Dopo lo splendido Europeo, il Galles conferma di non attraversare il suo miglior momento e a Cardiff si fa bloccare sull'1-1 da una coraggiosa Georgia. La squadra di Coleman sblocca il risultato al 10' con il solito Bale che, su corner di Ledley, anticipa tutti e trafigge Loria con un'incornata che si insacca sotto la traversa. Nella ripresa la partita cambia: al 57' Okriashvili pareggia con un colpo di testa su assist di Qazaishvili. La Georgia ci crede e nel finale ha due clamorose occasioni per portarsi a casa i tre punti, ma prima Mchedlidze sbaglia un gol già fatto solo davanti al portiere, poi Kazaishvili vede il suo bolide infrangersi sulla traversa.

Chi, invece, non si ferma sono Serbia e Irlanda, che vincono i rispettivi incontri con Austria e Moldavia e volano appaiate in testa al girone. Allo stadio Rajko Mitic di Belgrado i padroni di casa vanno in vantaggio due volte con Mitrovic, ma vengono ripresi prima da Sabitzer e quindi da Janko: di Tadic al 74' su assist di Kolarov il definitivo 3-2 che vale il secdondo successo consecutivo. Come l'Irlanda, anche se per battere la Moldavia i verdi di O'Neill devono faticare molto meno: dopo il vantaggio di Long al 2' e il pareggio di Bugaev in chiusura di tempo, è una doppietta di McLean a chiudere definitivamente i conti tra il 69' e il 76'.

GIRONE I
Il solito Mandzukic regala alla Croazia la seconda vittoria di fila: dopo lo 0-6 in Kosovo arriva lo 0-1 a Tampere contro la Finlandia. L'azione del gol (18') nasce dai piedi di Vrsaljko che, dalla destra, fa partire un lungo traversone per Kramaric la cui deviazione è destinata in fondo al sacco: prima che la palla superi la linea bianca arriva il tap-in di testa di Mandzukic per il più facile dei gol, il suo quarto nelle ultime due partite.

In vetta al girone anche l'Islanda, rivelazione a Euro 2016 e ormai realtà consolidata del calcio europeo. Gli isolani ci mettono un tempo a trovare la via del gol contro la Turchia e a chiudere in un amen la partita: è il 42' quando Toprak devia nella propria porta in maniera decisiva un destro di Bjarnasson, quindi appena due minuti dopo Finnbogason raddoppia in contropiede con un destro che fulmina Bobacan. Tris ucraino, infine, contro il Kosovo e prima vittoria da commissario tecnico per Shevchenko: dopo l'autorete di Rrahmani ci pensano Yarmolenko e Rotan a mettere le firme sul 3-0. La partita si è giocata sul campo neutro di Cracovia in quanto l'Ucraina non riconosce il Kosovo come Stato indipendente.

Segnalazioni e Consigli. Scrivi alla  redazione di DataSport: segnalazioni@datasport.it