Rio 2016: Greg Paltrinieri, il campione e la mamma che temeva l'acqua

2016-02-05 08:00:00
Pubblicato il 5 febbraio 2016 alle 08:00:00
Categoria: Nuoto
Autore: Redazione Datasport.it

Lorena non sa nuotare, ha addirittura paura dell'acqua. Eppure tra gare di nuoto e piscine ha trascorso giornate intere, ore infinite. Se l'Italia si presenta alle Olimpiadi di Rio 2016 con uno dei nuotatori più forti al mondo, molto lo deve proprio a questa donna: la mamma di Gregorio Paltrinieri. Per questo i due sono stati scelti da Procter&Gamble, top partner dei Giochi, come "ambasciatori" italiani dell'iniziativa "Grazie di cuore, mamma", lanciata in occasione delle Olimpiadi di Londra 2012 (molti ricorderanno il video virale "Best Job" che commosse il web, firmato dal premio Oscar Alejandro Gonzalez Inarritu), ora pronta per Rio 2016.

Gregorio Paltrinieri è una vera stella del nuoto a livello internazionale: campione del mondo e detentore del record del mondo nei 1500 m stile libero in vasca corta, vice campione del mondo degli 800 m stile libero. Insomma, un fenomeno vero. "Molto di ciò che sono oggi - commenta proprio l'atleta azzurro - lo devo a mia madre Lorena. I record che ho battuto, le vasche che ho percorso e che ancora percorro impegnandomi al massimo per guadagnare ogni centesimo di secondo, non sarebbero le stesse senza la forza e la tranquillità che ha saputo trasmettermi. Spesso si dimentica, che il raggiungimento di importanti risultati passa attraverso equilibri fondamentali tra cui il sostegno della famiglia. P&G ha compreso e valorizzato tutto questo e oggi non sarei qui a vivere il sogno di gareggiare nelle Olimpiadi, se non avessi ricevuto incoraggiamento e forza da mia mamma".

Una mamma che è stata sempre presente: nella quotidianità di tutti i giorni, con i panini pronti prima degli allenamenti, o in tribuna con la "tachicardia" prima delle gare. E così grazie a P&G non mancherà nemmeno a Rio de Janeiro, dove potrà seguire Gregorio nei 1500 metri stile libero in programma il 12 e il 13 agosto 2016. "E' per me un grande onore essere parte di questa iniziativa - racconta Lorena - che celebra le mamme degli atleti Olimpici in tutto il mondo. Gregorio l'abbiamo messo in piscina piccolissimo. Aveva quattro mesi. Stava davvero molto bene in acqua. E’ sempre stato il suo habitat naturale. Ha già partecipato all'Olimpiade di Londra ma era davvero giovanissimo, ora arriva a Rio con aspettative diverse ed un bagaglio di risultati conquistati davvero notevoli".

P&G, azienda produttrice di marche quali Dash, Gillette, Pantene, Head & Shoulders, Oral B ed altre ancora, ospiterà Gregorio e la mamma Lorena, insieme  alle altre mamme degli atleti che seguiranno i propri ragazzi ai Giochi Olimpici, nella sua "Family Home" a Rio 2016.  "Quando osserviamo la determinazione, l’impegno e il coraggio che spingono un atleta fino ai Giochi Olimpici, non possiamo dimenticare - aggiunge Barbara Del Neri, Direttore Corporate Marketing Procter & Gamble Sud Europa - la mamma e attraverso di lei la famiglia, che ha contribuito in modo determinante a sostenere i ragazzi trasmettendogli la propria forza e insegnando loro questi valori. Ecco perché con le nostre marche intendiamo celebrare gli atleti, ma anche le loro mamme".