Premier: United in crisi nera, City in vetta col cuore

2015-12-12 21:16:48
Pubblicato il 12 dicembre 2015 alle 21:16:48
Categoria: Notizie Premier
Autore: Redazione Datasport.it

Il City vince col coure e aggancia la vetta, lo United perde ancora e conferma il suo momento nero: si divide la Manchester calcistica nella 16.a giornata di Premier. All'Etihad i Citizens battono 2-1 lo Swansea grazie al rocambolesco gol di Iheanacho al 92' e acciuffano momentaneamente in testa il Leicester, impegnato nel monday night. Niente aggancio invece per i Red Devils che, dopo l'eliminazione dalla Champions, cadono 2-1 a Bournemouth.

Voleva cancellare la bruciante sconfitta con lo Stoke e alla fine ce l'ha fatta: il City batte lo Swansea al termine di una partita che - dopo il pareggio dei gallesi - sembrava l'ennesima beffa per Silva e compagni. Ad aprire le marcature un colpo di testa di Bony al 26' su calcio d'angolo di Navas, poi un dominio abbastanza netto dei padroni di casa che non vale però il raddoppio, anche per le ottime parate di Fabianski. Così, per la regola sempre valida del gol sbagliato-gol subito, arriva il pari dello Swansea allo scoccare del 90': filtrante di Fernandez, Mangala si addormenta e Gomis fulmina Hart con un diagonale di potenza sul primo palo. Partita finita? Assolutamente no, perché il City butta il cuore oltre l'ostacolo e con le ultime forze ritrova il vantaggio al 92': Touré fa tutto da solo sul vertice dell'area, poi tenta un mancino a giro che colpisce la schiena di Iheanacho e si insacca con una strana traiettoria mandando in delirio l'Etihad: vetta agganciata.

Quando otto giorni fa la piccola matricola Bournemouth si apprestava ad incrociare in fila prima il Chelsea e poi il Manchester United, nemmeno i più ottimisti avrebbero pensato ad un simile epilogo. Invece, dopo la storica vittoria a Stamford Bridge, è arrivato anche il clamoroso bis con i Red Devils, in crisi nera dopo l'inaspettata eliminazione dai gironi di Champions. Al Dean Court le cose si mettono subito bene per i padroni di casa: al 2' infatti capitan Stanislas calcia direttamente in rete un tiro d'angolo, con De Gea sorpreso e beffato. Lo United reagisce subito e al minuto 24 pareggia con Fellaini alla fine di una serie di batti e ribatti. A quel punto la squadra di Van Gaal si sbilancia in cerca di quel gol che varrebbe l'aggancio in vetta, invece al 52' arriva la rete del Bournemouth: angolo di Ritchie, schema perfetto e tiro da centro area di King che vale il 2-1 finale. Inutile il forcing finale dello United, che deve adesso deve riordinare le idee.

Si avvicinano alla zona Europa invece Crystal Palace e Watford: i primi battono 1-0 il Southampton grazie alle rete di Cabaye (con Pellé che entra solo per gli ultimi venti minuti), i secondi invece si impongono 1-0 in casa del Sunderland in virtù del sigillo in apertura di Ighalo (sostituito un opaco Borini ad inizio ripresa). Finisce 1-1 il lunch match tra Nowrich ed Everton, a Lukaku risponde Hoolahan, mentre chiude il programma il pari senza reti di West Ham-Stoke.