Nuoto, Europei Glasgow 2018: triplo oro per l'Italia, Quadarella e Codia sorprendono

2018-08-09 19:38:00
Pubblicato il 9 agosto 2018 alle 19:38:00
Categoria: Nuoto
Autore: Marco Corradi

Altre cinque medaglie per l'Italia agli Europei di nuoto in quel di Glasgow. Medaglia d'oro di Piero Codia che ribalta ogni pronostico e vince i 100 m farfalla con uno straordinario 50"64, firmando il nuovo record dei campionati e riscrivendo anche il record italiano all-time. Il nuotatore azzurro, che si era qualificato con l'ottavo tempo e rischiando l'eliminazione in semifinale, ha preceduto il francese Mehdy Metella (tempo di 51”24) ed il britannico James Guy (terzo a 51”42). Oro anche per Margherita Panziera che arriva davanti a tutte nei 200 dorso grazie al 2'06"18 che vale anche il record italiano: Margherita rifila quasi un secondo alla russa Ustinova, terza l'ungherese Burian. L'oro più bello arriva però dai 400sl, che sono stati per anni il terreno di caccia di Federica Pellegrini, e ora vedono iniziare il regno di Simona Quadarella: l'azzurra, già oro negli 800sl e nei 1500sl, piazza un fantastico tris in rimonta e trova il grande slam nel mezzofondo (400-800-1500: prima italiana a farlo).
L'azzurra parte come un diesel, si affianca all'ungherese Kesely e la supera nella parte finale della gara, chiudendo con un fantastico 4.03.35 e abbattendo il proprio personale: oro per Quadarella, argento per l'ungherese (a 22/100) e bronzo per la britannica Hibbott. Nei 50 sl, invece, arriva il bronzo di Andrea Vergani: il nuotatore milanese (classe 1997!) centra un sorprendente terzo posto, finendo alle spalle dell'inglese Ben Proud (oro con 21”34) e del greco Gkolomeev (bronzo con 21”44). Altra medaglia di bronzo per l'Italia, questa volta però nei 50 rana femminile: Arianna Castiglioni, infatti, è terza dietro alla britannica Clark (30"34) e alla russa Efimova, vincitrice dell'oro con 29"81. Italia a secco in tre finali: i 400mx vanno all'ungherese Verraszto, e rappresentano la finalissima senza azzurri insieme alla staffetta 4x100 mista maschile. La scelta di schierare le riserve in batteria non ha pagato, e l'Italia ha perso una chance di andare a medaglia con un quartetto di tutto rispetto: niente medaglia neanche per le ragazze, che chiudono quarte alle spalle di Russia, Danimarca e Gran Bretagna. Zofkova, Castiglioni e Di Liddo ci avevano portato al secondo posto, ma Federica Pellegrini è calata nei suoi 100sl e ha perso il podio.
Con questi risultati e l'argento di Giulia Gabbrielleschi nella 10km in acque libere (a secco i tuffi), l'Italia si porta a quota 35 medaglie e al terzo posto nel medagliere complessivo alle spalle di Russia e Gran Bretagna: 6 ori, 12 argenti, 17 bronzi al termine della giornata che chiude il programma del nuoto. Da domani, assisteremo solo alle gare dei tuffi e del nuoto di fondo.