Nba: rullo Spurs, Kings corsari

2016-03-16 08:47:15
Pubblicato il 16 marzo 2016 alle 08:47:15
Categoria: NBA
Autore: Redazione Datasport.it

Sei gare nella notte Nba. Marco Belinelli segna 9 punti nella vittoria dei Sacramento Kings sul campo dei Lakers, privi di Kobe Bryant. Continuano a volare i San Antonio Spurs che asfaltano i Clippers e centrano la 42esima vittoria di fila in casa (terza striscia di sempre). Bogdanovic segna 44 punti e guida i Nets contro i 76ers. Indiana batte Boston, ok Raptors e Magic.

I Sacramento Kings vincono 106-98 allo Staples Center contro i Los Angeles Lakers, privi di Kobe Bryant, e per la prima volta nella loro storia conquistano la serie stagionale coi gialloviola (4 successi su 4 gare). Gli ospiti partono fortissimo (32-15 nel primo periodo) e poi contengono il ritorno dei padroni di casa, spinti dai 17 punti di Lou Williams. Per i Kings spiccano i 22 punti di Cousins e Collison mentre Marco Belinelli chiude con 9 punti in 15 minuti uscendo dalla panchina.

Continua la marcia dei San Antonio Spurs che battono 108-87 i Los Angeles Clippers, restano imbattuti in casa (33-0) e arrivano a 42 successi interni di fila in regular season per la terza striscia più lunga di sempre. La partita si spacca nel quarto periodo con un parziale di 37-17 dei neroargento grazie alle triple dei vari Green, 12 punti, Mills, 15, e Ginobili, 13, mentre il migliore in assoluto è il solito Kawhi Leonard, 20 punti. Ai Clippers non bastano i 22 di Paul e i 16 con 14 rimbalzi di DeAndre Jordan.

Il big match dell'Est tra Indiana e Boston va ai Pacers che superano in volata i Celtics 103-98 grazie a 25 punti dell'asso Paul George. Immediato riscatto dei Toronto Raptors che, dopo il ko interno coi Bulls, passano 107-89 a Milwaukee contro Bucks con 25 punti e 11 assist di Kyle Lowry. Gli Orlando Magic piegano 116-110 i Denver Nuggets sempre senza Gallinari grazie ai 30 punti dell'ex Fournier. La prestazione della notte è quella di Bojan Bogdanovic che stampa il suo massimo in carriera, 44 punti, nel successo 131-114 dei Brooklyn Nets sui Philadelphia 76ers.