Napoli, De Laurentiis: "Cavani? Se arrivano 70 milioni..."

2013-03-18 12:29:33
Pubblicato il 18 marzo 2013 alle 12:29:33
Categoria: Serie A
Autore: Redazione Datasport.it

Aurelio De Laurentiis, presidente del Napoli, apre ad una clamorosa partenza di Cavani proprio il giorno che segue alla doppietta del Matador in campionato contro l'Atalanta. "Cavani sa perfettamente che al Napoli è rispettatissimo e gli vogliamo bene e non solo per i gol che fa ma perché è una persona seria e garbata e poi esiste una clausola rescissoria - spiega il numero uno del Napoli a margine della cerimonia del Premio 'Andrea Fortunato' svoltosi nel Campidoglio di Roma -. Se c'è un pazzo che vuole tirare fuori 70 milioni, che corrispondono ai 63 milioni netti per il nostro club, noi l'ascoltiamo ma comunque sarà Cavani ad avere l'ultima parola".

Nella gara con l'Atalanta, Cavani si è sbloccato dopo un periodo piuttosto lungo di astinenza dal gol: "Sono contento per lui  - continua De Laurentiis - perché sembrava fosse diventata una telenovela. E soprattutto per Pandev che era moltissimo che non segnava che poi è stato un goal determinate perché ci ha permesso di vincere".

Quale squadra potrebbe permettersi Cavani? "Ci sono dei club che hanno un fatturato molto elevato come Barca e Real Madrid - prosegue De Laurentiis - poi ci sono squadre che senza un fatturato elevato, ancora non so per quanto tempo, vanno fuori budget ignorando la regola del fair play finanziari. Io per lui ho messo una asticella molto alta".

De Laurentiis precisa infine: "Noi non vogliamo trattenere nessuno, perché Napoli è un qualcosa che nel calcio è rappresentativo ed e' molto importante perché ha sempre vinto senza creare scandali, ha concluso il patron".

E sul mercato, De Laurentiis lascia aperta ogni possibiltà: "Dipenderà molto da Mazzarri: se non dovesse rimanere - conclude il patron -, il mercato dipenderà anche da chi lo sostituirà e dipenderà moltissimo anche se ci verrà strappato Cavani. E' prematuro parlare di mercato, ma ogni anno si devono fare 5 innesti che migliorino il gruppo.  Ci sarà uno stanziamento considerevole per fare il lavoro di cui l'allenatore attuale o futuro avrà bisogno''.