MotoGP, Thailandia: moto o ciclismo?

2018-10-08 18:51:16
MotoGP, Thailandia: moto o ciclismo?
Pubblicato il 8 ottobre 2018 alle 18:51:16
Categoria: Moto GP
Autore: Matteo Novembrini

Il paragone è venuto direttamente da Valentino, che in effetti ha fatto un esempio molto calzante. Cioè, che il motomondiale di oggi, in classe regina, assomiglia un po' al ciclismo: tutto molto strategico, gare lunghe che si risolvono in archi di tempi brevi, di due, tre, massimo cinque giri. Chiamatela era Michelin.

Lo aveva detto poco prima pure Dovizioso, quando gli era stato chiesto quanto forte lui e gli avversari stavano andando nella prima parte di gara di un Gp che ha mantenuto compatti nella fase centrale ben otto piloti:”Di sicuro, non siamo andati al 100% per tutta la gara, come sempre. Con le Michelin è impossibile spingere sempre per tutta la corsa”. E più o meno la stessa cosa l'ha detta Vinales, quando gli è stato chiesto se spingendo un po' prima avrebbe potuto avere più chanches di vincere:”Non credo proprio, perchè se avessi spinto prima, le gomme sarebbero finite prima e probabilmente sarebbe finita peggio”.

 

 

Sì, perchè Valentino ha ragione, oggi una corsa di moto assomiglia ad una tappa. Il gruppo si studia a lungo, spesso chi prova ad allungare nella prima parte di gara viene subito ripreso, giusto per non farlo scappare, proprio come avviene in una tappa di un grande giro, quando gli uomini in lotta per la maglia quasi sempre si studiano e quasi mai uno riesce ad andare in fuga a discapito degli altri. Può piacere o non piacere, ed è sbagliato dire bello o brutto: è semplicemente diverso, un nuovo modo di correre ed affrontare le gare.

Come ogni cosa, ha un pro ed un contro. Ad esempio, ci sono “zone morte” della gara, che specie nella fase iniziale assomiglia ad una processione con importanza relativa alle posizioni, perchè il momento decisivo è un altro, quello finale, quando si prova l'azzardo di fuggire o a contenere la fuga di un avversario. Il vero motociclismo arriva dopo, come successo proprio a Buriram, dove Marquez e Dovizioso hanno aspettato le ultime tornate prima di scrivere un nuovo capitolo dei loro duelli in questo biennio. Motociclismo simile al ciclismo, sì: chiamatela era Michelin.

Segnalazioni e Consigli. Scrivi alla  redazione di DataSport: segnalazioni@datasport.it