MotoGp, Rossi: "Sono vicino a Lorenzo"

2013-04-04 22:10:26
Pubblicato il 4 aprile 2013 alle 22:10:26
Categoria: Moto GP
Autore: Redazione Datasport.it

Tutto sul motomondiale: live, notizie, classifiche e calendari

E' un Valentino Rossi soddisfatto quello che si presenta ai microfoni al termine delle prime prove libere del Gp di Qatar. Il 'Dottore' ha chiuso al terzo posto dietro a Lorenzo e Crutchlow ma la stagione è partita nel migliore dei modi: "Per la prima volta in due anni - spiega Rossi - posso lavorare di fino per mettere a punto la mia M1. Quando ero in Ducati c'era grande aspettativa su di me. Tutti si aspettavano di vedermi davanti, ma io lo sapevo che non sarebbe stato possibile. Con la Yamaha è diverso. Sono cresciuto con questa moto. Ho corso con la M1 sette anni, quelli più importanti per me e ci sono degli automatismi che sono tornati subito. Anche quando salgo su questa moto e guido mi trovo comodo, anche quando vado piano. Con la Ducati questo non mi e' mai riuscito. Magari qualche altro pilota con la Desmosedici può andare meglio di me. Comunque per me che sono abituato a vincere, quest'anno è tutta un'altra motivazione".

Su una pista come quella di Losail, non la preferita per Rossi, il pilota romagnolo ha trovato subito il feeling con la sua Yamaha: "Mi sono preparato bene per il primo turno  - sottolinea -  Io ho un po' questa caratteristica di andare forte subito, almeno nei miei anni buoni. Ora arriva il lavoro quello vero. Mettere al meglio la moto, scegliere le gomme giuste, ma stiamo parlando di dettagli. Posso concentrarmi sulla mia guida cosa che non riuscivo a fare prima".

In vista della gara di domenica c'è dunque grande attesa nel vedere la sfida tra Rossi e il Campione del Mondo in carica Lorenzo: "Sono andato, in effetti, al di la delle mie aspettative. Ho girato come Lorenzo - osserva Rossi - anche come passo. Se riesco ad andare come lui che è forte ed è in un bel momento della sua carriera, vuol dire che va bene. Nei test ero contento di come era andata ma non al massimo. Non ero veloce come adesso. Da Jerez c'è stato uno step in più e adesso le cose vanno decisamente meglio".