Ma allora Matri è un buon acquisto?

2011-02-14 08:26:36
Pubblicato il 14 febbraio 2011 alle 08:26:36
Categoria: Calciomercato
Autore: Redazione Datasport.it

Il pagellone stavolta lo dedico a Juve-Inter. Con una variante sul tema: la direzione di Catania firmata Romeo (4,5), danni enormi per il Lecce. Ossigeno per Simeone, ma partita condizionata dalle decisioni di un arbitro spesso disastroso.

Juve-Inter, dunque. Non tre punti per Delneri, è come se fossero nove. I tre per la classifica, gli altri tre per l’autostima, gli ultimi tre per spazzare via un clima - da processo - troppo pesante. Mi veniva da sorridere, e l’ho scritto in più occasioni, quando avevano bocciato Matri (7+) già il giorno dell’acquisto. No che non va bene, non è la pedina giusta, Marotta ha sbagliato perché avrebbe dovuto prendere Pazzini. A parte il fatto che la Samp non avrebbe concesso il pagamento dilazionato come ha fatto il Cagliari, anche uno sprovveduto si sarebbe reso conto che la Juve ha fatto il massimo in un momento difficile. Magari è aperto il dibattito sul fatto che Matri valga quindici o venti milioni, ma non sull’affidabilità di Alessandro. Un bellissimo gol, i movimenti giusti, un altro paio sfiorati: Matri appartiene alla Juve di oggi e di domani.

Delneri (7) ha indovinato ogni mossa. Chiellini (7,5) è stato un leone, a sinistra me lo ricordavo ai tempi di Livorno, per necessità è tornato su quella fascia con risultati da “giù il cappello”. Bene Bonucci (6,5), sorprendente Barzagli (7), sei e mezzo ai tre di centrocampo, da Aquilani a Marchisio passando per Felipe Melo. Non il miglior Krasic (6 risicato), muro Buffon (6,5), da seguire Sorensen (6,5). In ogni caso una vittoria ricca di diamanti per la possibile svolta della stagione Juve.

Mi viene da sorridere una volta in più se penso ai gol che si è fumato Eto’o (4,5): la traversa è un’occasione divorata; il liscio di pochi secondi dopo una roba da museo degli orrori. Qualche giorno fa gli avevo dedicato un editoriale dal titolo: Samuel Eto’o, tu sei un mostro. Non me lo rimangio, impossibile farlo, semplicemente per una notte è tornato sulla terra. L’Inter non mi è piaciuta, Pazzini (5,5) è stato poco scortato, se non da Maicon (6,5). Fiacca e prevedibile l’impostazione di Leonardo (5), squadra a lungo sottoritmo e incapace di sfruttare il potenziale che ha. Non so se l’Inter riuscirà a risalire per lo scudetto, può darsi, di sicuro il recupero di mercoledì a Firenze sarà quasi decisivo. Ma non si può regalare un tempo alla Juve, mi dispiace che Ranocchia (5,5) abbia preso farfalle, il giudizio sul ragazzo non cambia. Rano ha un futuro. Esattamente come la classifica della Juve, dopo una notte così.