Ligue 1: il Lione non c'è più, poker Montpellier

2015-11-27 23:09:31
Pubblicato il 27 novembre 2015 alle 23:09:31
Categoria: Notizie di attualità
Autore: Redazione Datasport.it

Altra pesante battuta d'arresto del Lione che, reduce dal ko in Champions contro il Gent e dal conseguente addio all'Europa, cade anche in Ligue 1: allo Stade de Gerland, nell'anticipo della 15esima giornata, il Montpellier rifila un clamoroso 4-2 alla squadra di Fournier che chiude così una settimana da incubo, iniziata venerdì scorso con lo 0-3 di Nizza. Il Montpellier brinda alla terza vittoria di fila e si allontana dalla zona retrocessione.

Il Lione è in vena di regali e il Montpellier ringrazia già all'8': Roussillon va via sulla sinistra e mette in mezzo un pallone teso sul primo palo che Gonalons devia involontariamente alle spalle di Lopes. La squadra di Fournier va in tilt e tre minuti dopo incassa anche il secondo gol: lancio in profondità di Remy per Ninga, Lopes aspetta troppo a uscire e l'attaccante del Montpellier lo beffa con un tunnel. Ma è una partita pazza e tre minuti dopo il Lione riapre i giochi: corner di Valbuena e colpo di testa di Beauvue respinto da Pionnier, sulla ribattuta si avventa Lacazette che incorna a rete da due passi. Il gol rianima i padroni di casa che proprio in chiusura di tempo pareggiano con Tolisso ma l'arbitro annulla per fuorigioco (in realtà inesistente) del centrocampista.

A inizio ripresa il Montpellier è cinico e spegne le speranze di rimonta dei Lione: Roussillon intercetta un retropassaggio di Rafael e calcia a rete, Lopes si oppone ma Ninga si avventa sulla respinta e segna comodamente a porta vuota. Da qui in poi in pratica non c'è più partita perché la squadra di Fournier accusa il colpo e si consegna agli avversari. Al 72' Camara si presenta a tu per tu con Lopes che lo ipnotizza, ma all'80' non può sbagliare quando, servito da Boudebouz dopo un contropiede da manuale, firma il 4-1. Al Lione non resta che l'orgoglio: Ghezzal all'84' rende meno pesante la sconfitta trasformando con un bel sinistro a giro sotto l'incrocio una punizione dal limite. E' la rete del definitivo 2-4. Il Lione conferma il suo momento no e ora rischia di essere sorpassato in un colpo solo da Caen, Nizza, Angers e Monaco. Il Montpellier respira e si porta a +4 sulla zona calda della classifica.