Libri di sport: la corsa, terapia senza confini

2013-04-04 20:12:53
Pubblicato il 4 aprile 2013 alle 20:12:53
Categoria: Notizie di attualità
Autore: Redazione Datasport.it

American runners. Storie di corsa – Marco Tarozzi – Bradipolibri – Pag. 168 – Euro 15.00

Sono 17 i personaggi descritti in un libro decisamente coinvolgente. Storie umane prima che sportive, dove la corsa è il generatore di energia positiva, il volano inarrestabile per trasmettere il messaggio della vita. L’ultima è quella di Lopez Lemong, attuale e sconvolgente. Sudanese nato nel 1985, rapito per fare il guerriero-bambino. Fuggito in Kenya, adottato negli Usa, dove ha potuto esprimere il proprio talento, titolare ai Giochi di Pechino e Londra, campione americano, uno dei più forti mezzofondisti al mondo. Chi non conosce Alberto Salazar tra i cultori della corsa lunga? I suoi allenamenti al limite della sopravvivenza, chiedendo al suo cuore sforzi incredibili. Tre volte vincitore della maratona di New York, una di Boston nei primi anni ‘80. Nel 2007, il suo cuore restò inattivo per 14 minuti, tempo infinito, senza ritorno. Ma quando ti chiami Salazar anche il muscolo della vita fa eccezione alla regola. Il cubano dell’Oregon è tornato ad allenare i suoi allievi, che lo considerano un mito. Le altre storie riguardano Johnny Hayes, Bill Rodgers, Mary Decker e Joan Benoit prima donna a vincere la maratona olimpica nel 1984. Henry Rono, Gary Fanelli, Jim Ryun, Billy Mills, Kathrine Switzer, Frank Shorter, Craig Virgin e Steve Prefontaine.