Lega Pro 2016-17, 20a giornata Girone B: risultati, marcatori e cronaca

2016-12-23 20:59:20
Pubblicato il 23 dicembre 2016 alle 20:59:20
Categoria: Notizie Lega Pro
Autore: Redazione Datasport.it

Venerdì 23 dicembre

Fano-Sudtirol 0-0
Termina 0-0 il match fra Fano e Sudtirol. Poche emozioni nel primo tempo, con una partita dominata dagli ospiti: ma l'occasione più nitida la crea il Fano al 34' con Masini. Nella ripresa non aumentano le azioni da rete: nel finale Viali e Cusatis con una girandola di cambi tentano di dare brio alla partita ma senza esito, con l'incontro che finisce a reti bianche senza troppi acuti. Per entrambe la classifica cambia poco: il Fano rimane in zona retrocessione, mentre gli altoatesini restano nel limbo.

Gubbio-Pordenone 1-0
Il Gubbio all'ultimo minuto fa crollare il Pordenone. Sconfitta imprevista per 1-0 per i ramarri, che cadono in casa dei meno quotati umbri: in un primo tempo avaro di occasioni ai neroverdi viene negato dall'assistente un rigore su Misuraca, dopo una iniziale convalida da parte dell'arbitro. Nel secondo tempo il Pordenone si fa più in avanti: ma quando la partita sembra essere destinata allo 0-0 Conti con un tap-in segna il suo primo gol stagionale e affossa i friulani.

Maceratese-Albinoleffe 0-0
Poche occasioni e nessuna rete: match poco frizzante fra Maceratese e Albinoleffe, terminato 0-0 con scintille fra le due squadre nel finale. Nel primo tempo due chance per i padroni di casa neutralizzate da un ottimo Nordi compensano il palo preso dall'Albinoleffe. Nella ripresa ritmi più scialbi con le squadre che si avviano verso un giusto pari: poco prima del recupero si scaldano gli animi, Moreo viene ammonito e il marchigiano Ventola guadagna il secondo giallo con relativa espulsione.

Padova-Sambenedettese 1-0
E' un Padova cinico, quello che nel turno prenatalizio liquida la Sambenedettese con il punteggio di 1-0. I patavini ottengono il massimo con il minimo sforzo: la Samb gioca infatti una partita gagliarda, ma i padroni di casa passano in vantaggio al quarto d'ora del primo tempo con un rigore di Russo (fallo di mano di Berardocco in area) e poi gestiscono fino al 90'. Gli ospiti hanno qualche buona chance nella ripresa, ma Bindi fa sempre buona guardia e lo score non cambia più: con questa vittoria il Padova si avvicina al Pordenone e sogna in grande, mentre i marchigiani (che non vincono da quasi due mesi) scivolano giù in classifica.

Teramo-Lumezzane 1-1
Il Lumezzane sorprende tutti in extremis: pareggio dei bresciani all'ultimo secondo, con un 1-1 che beffa il Teramo che già era pronto ad esultare per i tre punti. Primo tempo senza grandi sussulti al Bonolis, con le due formazioni che si studiano e in generale creano poco. Nella seconda frazione di gioco più brio da parte di entrambe le squadre con i padroni di casa che vanno in vantaggio con Sansovini al 55'. Al 92', in pieno recupero, la doccia fredda: Leonetti (primo gol stagionale) insacca il colpo di testa che toglie ai biancorossi la vittoria e porta un punto nelle casse della Lume.

Forlì-Venezia 1-0
Crolla la capolista: sconfitta esterna del Venezia sul campo di un buon Forlì, che con un 1-0 si porta a casa tre punti d'oro. Primo tempo in equilibrio: una gara ben giocata, senza grandi occasioni ma con buone manovre da parte delle due formazioni che rientrano negli spogliatoi sullo 0-0. Nella ripresa avvio frizzante del Venezia, ma sono i padroni di casa ad andare in vantaggio al 66' con un tiro di Capellini deviato da Domizzi. La partita finalmente si accende con le sortite degli arancioverdi verso la porta di Turrin: ma a parte un palo al '71, i romagnoli non corrono grossi rischi, portando a casa una vittoria con la prima della classe.

FeralpiSalò-Santarcangelo 2-0
Dopo un mese si torna alla vittoria: la Feralpisalò piega 2-0 un opaco Santarcangelo portando a casa quei tre punti che da troppo tempo mancavano alla squadra di Asta. Primo tempo tutto a tinte verdeblù: i padroni di casa si portano in vantaggio già all'8' con Gerardi; al 34' arriva il raddoppio di Guerra, con il Santarcangelo fin qui spettatore. Nel secondo tempo i leoni del Garda gestiscono bene il vantaggio, andando addirittura più volte vicini al tris. Niente da registrare invece sul fronte Santarcangelo, che rimane fermo a 24 punti in classifica.

Mantova-Ancona 3-2
Una gara a due facce: 3-2 frizzante fra Mantova e Ancona, con una partita che si accende a partire dal secondo tempo. Mantova più propositivo nella prima frazione di gioco, con gli ospiti un po' in difficoltà ad arginare Frediani e Caridi: le azioni dei virgiliani si concludono però in un nulla di fatto con le due squadre che vanno al riposo sullo 0-0. Tutto il contrario dell'emozionante ripresa: in vantaggio va il Mantova con Caridi al 49', con il pareggio degli anconetani al 54' con capitan Ricci. All'83' sono gli ospiti a portarsi avanti con Momentè, ma è immediata la replica del Mantova: all'85' un gran Caridi e al 90' il rigore di Marchi consegnano ai virgiliani tre punti combattuti e conquistati a denti stretti.

Parma-Modena 3-1
l Parma si porta a casa il secondo derby di fila: il 3-1 al Tardini contro il Modena avvicina i crociati alla vetta, mentre i canarini scivolano all'ultimo posto. Una match deciso tutto nel primo tempo: ad aprire le marcature ducali è Calaiò al 15', con il raddoppio di Giorgino al 34'. Il Modena accorcia le distanze con Giorico al 38' ma è un fuoco di paglia: al 41' Corapi porta il Parma sul definitivo 3-1. Poco accade nel secondo tempo: la truppa di Capuano ci prova in avvio, ma sono i padroni di casa ad andare più vicini alla rete ancora con Calaiò. L'espulsione di Bajner al 77' sancisce di fatto il termine della gara, con i modenesi che in 10 non riescono più a rendersi pericolosi.

Reggiana-Bassano Virtus 1-1
Occasione sprecata per la Reggiana, che con l'1-1 ottenuto col Bassano Virtus fallisce l'aggancio in vetta. Partita poco brillante in avvio: poco gioco e poche occasioni, con i giallorossi forse più in palla rispetto ai rivali emiliani. Il primo tempo si chiude senza reti, e anche nella ripresa bisogna aspettare fino all'81' per vedere il vantaggio della Reggiana con Cesarini. Per undici minuti i granata sono in cima alla classifica, ma la rete di Maistrello al 92' cancella i sogni di gloria degli emiliani facendo riagguantare ai giallorossi il pareggio in extremis. Reggiana fischiata; Bassano Virtus a quota 30 punti.

Segnalazioni e Consigli. Scrivi alla  redazione di DataSport: segnalazioni@datasport.it