Lega Pro 2015/2016, Girone B: la sintesi della 7a giornata

2015-10-18 16:45:55
Lega Pro 2015/2016, Girone B: la sintesi della 7a giornata
Pubblicato il 18 ottobre 2015 alle 16:45:55
Categoria: Notizie Lega Pro
Autore: Redazione Datasport.it

Risultati, marcatori, classifica, tabellini e cronache di tutti gli incontri del Girone B (clicca sulla singola partita per il live testuale)

Sabato 17 ottobre

Tuttocuoio-L'Aquila 1-1
Dopo quattro sconfitte consecutive, L'Aquila ferma l'emorragia e coglie in casa del Tuttocuoio un buon pareggio: è 1-1 a Pontedera, punteggio che soddisfa entrambe le squadre. Nel primo tempo ci sono occasioni da ambo le parti, gli abruzzesi sfiorano il gol un paio di volte con Sandomenico mentre i toscani si fanno vivi dalle parti di Zandrini con Colombo e Tempesti: ripresa divertente, il Tuttocuoio passa in vantaggio al 71' con il neoentrato Shekiladze (grande spunto personale, chiuso da un destro imprendibile) ma tre minuti più tardi L'Aquila ritorna in gara con un colpo di testa di De Sousa.

Rimini-Pistoiese 1-1
Oscar Brevi, assunto da poco dalla dirigenza del Rimini, avrebbe sognato un debutto meno amaro: i romagnoli, avanti 1-0 sulla Pistoiese, si fanno riprendere al 94’ e devono mandare giù un pareggio che brucia. Dopo un primo tempo senza grossi colpi di scena, i romagnoli aumentano i ritmi nella ripresa e al 65’ passano in vantaggio con una bella conclusione al volo di Ragatzu: Bariti sciupa il possibile 2-0 poco dopo, ma la Pistoiese trova la forza di rialzarsi e in pieno recupero evita la sconfitta con Sinigaglia, bravo a ribadire in rete una corta respinta di Anacoura.

Spal-Robur Siena 0-0
Che la Spal si sia inceppata? I numeri dicono questo, dopo lo 0-0 di Prato gli estensi infilano un altro pareggio ad occhiali, stavolta contro la Robur Siena: le toscane si confermano indigeste per i ferraresi, i quali restano primi in classifica ma corrono il rischio di farsi riprendere dalle avversarie. Grande equilibrio nel primo tempo, i padroni di casa recriminano per un gol annullato a Mora (presunto fallo su Montipò) ma nella ripresa la Robur sfiora il colpaccio con Bonazzoli: la sua conclusione, infatti, si stampa sul palo. Pareggio tutto sommato giusto: per il Siena è il sesto in sette partite.

Lupa Roma-Pontedera 2-5
Stefano Scappini come Robert Lewandowski: il paragone può sembrare azzardato, ma l’attaccante del Pontedera segna tutte e cinque le reti con cui i toscani schiantano la Lupa Roma (5-2 il finale al Ricci) per cui il confronto può starci. Giornata indimenticabile per il bomber, che già nel primo tempo ne infila quattro: la difesa dei laziali è di burro, il Pontedera ha ampi spazi quando riparte e per Scappini è facile fare gol (molto bravo Bonaventura nel ruolo di rifinitore). La Lupa ha una reazione nella ripresa con i gol di Santarelli e Di Michele, ma gli ospiti spengono ogni speranza di rimonta con il solito Scappini: seconda vittoria di fila per i toscani, mentre la Lupa Roma è sempre più in fondo (sesto ko in sette giornate, un solo punto conquistato).

Lucchese-Ancona 1-2
Pur soffrendo, l’Ancona batte anche la Lucchese (2-1 al Porta Elisa) e rosicchia due punti alla capolista Spal, mantenendosi nelle zone alte della classifica: per i toscani, invece, arriva la terza sconfitta di fila per cui si può parlare di crisi. Primo tempo dominato dai dorici, al 14’ Cognigni fa centro su assist di Lombardi e poi, al 29’, lo stesso Lombardi propizia il 2-0 con un tiro cross che sorprende un incerto Di Masi. Bussi manca il tris, ma nella ripresa la Lucchese torna in partita con un rigore di Pozzebon (fallo di Konate, che viene espulso): sotto di un uomo, l’Ancona balla e al 72’ rischia il 2-2, quando Benvenga scheggia la traversa.

Arezzo-Prato 1-0
L’Arezzo spazza via le nubi dopo lo scandalo Sperotto, batte 1-0 il Prato e firma la sua seconda vittoria in campionato (la prima tra le mura amiche). Sospiro di sollievo per Ezio Capuano, al centro della bufera in questi giorni: gli amaranto reagiscono bene e già al 19’ passano a condurre con un rigore di Capece, concesso per fallo di Grifoni su Betancourt (il giocatore del Prato viene anche espulso). L’Arezzo sfiora il 2-0, ma nella ripresa i lanieri si rialzano e Baiocco è superlativo su Gomes: tante emozioni, ma il punteggio non cambia. Il Prato perde dopo un mese di imbattibilità.

Domenica 18 ottobre

Carrarese-Pisa 2-2
Carrarese e Pisa restano imbattute, ma perdono entrambe una buona occasione per accorciare sulla capolista Spal: al Dei Marmi finisce 2-2, i marmiferi si mangiano le mani per essersi fatti rimontare dal 2-0 mentre il Pisa, in un finale concitato, avrebbe potuto osare di più. Primo tempo interamente a tinte gialloblù, già al 10' Infantino fa gol su assist di Barlocco poi al 23' Sbraga raddoppia con un colpo di testa sugli sviluppi di un corner. Ripresa palpitante, Mannini riaccende le speranze pisane con una pregevole punizione e quando il portiere dei marmiferi Lagomarsini viene espulso cambia tutto: la Carrarese non ha più cambi, in porta va Cais e così la squadra di Gattuso trova il 2-2 con una splendida parabola di Peralta.

Maceratese-Teramo 3-2

Ora la Maceratese sogna: il 3-2 sul Teramo proietta i biancorossi al secondo posto, a ridosso della capolista Spal. I marchigiani costruiscono la vittoria nel primo tempo: Buonaiuto firma l'1-0 di testa su cross di D'Anna, poi al 42' è Fioretti a raddoppiare con una conclusione dal limite dell'area. Ad inizio ripresa arriva il 3-0 locale, sempre ad opera di Fioretti (grave amnesia della difesa aprutina): a questo punto il Teramo si sveglia, Moreo rimette tutto in discussione con una pregevole incornata, poi all'80' è Scipioni a metterla dentro e in pieno recupero Da Silva va ad un passo dal clamoroso 3-3.

Savona-Santarcangelo 2-1

Seconda vittoria per il Savona: grazie al 2-1 sul Santarcangelo i liguri tolgono il segno meno davanti alla loro classifica e lasciano virtualmente l'ultimo posto alla Lupa Roma. Per i romagnoli, invece, si tratta del primo ko dopo cinque pareggi: gli striscioni si portano in vantaggio al 22' grazie ad una punizione di Cocuzza, ma il Santarcangelo pareggia poco dopo con De Vena sugli sviluppi di un corner. La squadra di Riolfo vuole tuttavia l'intera posta in palio e centra l'obiettivo al 69': splendida combinazione tra Cocuzza e Virdis, quest'ultimo prova il diagonale e trova l'angolo giusto.

{rec:16285}

Segnalazioni e Consigli. Scrivi alla  redazione di DataSport: segnalazioni@datasport.it