Lega Pro 2015/2016, Girone B: la sintesi della 13a giornata

2015-11-29 20:00:00
Lega Pro 2015/2016, Girone B: la sintesi della 13a giornata
Pubblicato il 29 novembre 2015 alle 20:00:00
Categoria: Notizie Lega Pro
Autore: Redazione Datasport.it

Risultati, marcatori, classifica, tabellini e cronache di tutti gli incontri del Girone B (clicca sulla singola partita per il live testuale)

Sabato 28 novembre

Ancona-Pontedera 1-1
Si chiude in parità la sfida del Del Conero tra Ancona e Pontedera: un punteggio finale corretto, al termine di una partita gradevole ed equilibrata. I dorici rompono il ghiaccio dopo appena nove minuti, con una magistrale punizione mancina di Pedrelli: i toscani non sono però rinunciatari e trovano il gol dell'1-1 al 35' con Vettori, che su sponda di Della Latta viene dimenticato colpevolmente dalla difesa dorica. Parodi sfiora il 2-1 prima dell'intervallo, poi nella ripresa è Lori a negare il gol a Scappini con un miracolo: sul ribaltamento di fronte, invece, il colpo di testa di Paoli viene salvato sulla linea mentre nel finale Polvani sfiora il clamoroso autogol.

Tuttocuoio-Maceratese 2-1
E' del Tuttocuoio l'impresa di giornata: i neroverdi battono 2-1 la Maceratese, che dunque cade dopo ben nove risultati utili consecutivi. La formazione di Lucarelli si conferma un'autentica scheggia impazzita del gruppo B, ora la zona playoff dista una manciata di punti: vantaggio toscano al 19' con Cherillo (perfetto tocco da pochi passi su assist di Marchetti), la Maceratese sfiora il pari con Kouko e poi lo trova al 60' con una splendida conclusione a giro di Foglia. Gara apertissima, Marchetti si divora il 2-1 colpendo la traversa da pochi passi, ma il Tuttocuoio trova comunque la zampata vincente grazie a Colombini (impeccabile la sua incornata).

Savona-Rimini 0-0
Tra Savona e Rimini, due squadre in lotta per non retrocedere, c'è un solo vincitore ed è il panico: nessuna delle due vuole scoprirsi, il primo obiettivo è quello di non prenderle e così lo 0-0 è l'unico finale possibile. Pochissime emozioni al Bacigalupo, nel primo tempo gli striscioni si affacciano timidamente in avanti con una zuccata di Tassi su azione da calcio d'angolo mentre i biancorossi replicano con un tiro di Ragatzu che si perde sopra la traversa. Il copione della partita è molto chiaro, sono poche le iniziative: nella ripresa il Rimini torna in avanti con Polidori (girata che esce di poco), ma è solo un tenue bagliore in un match oscuro. Lo 0-0 accontenta maggiormente i romagnoli, al secondo risultato utile di fila.

Arezzo-Lupa Roma 1-1
Niente da fare per l'Arezzo, che davanti ai propri tifosi non riesce a sbloccarsi: finisce 1-1 il match contro la Lupa Roma, un punto che paradossalmente fa più comodo ai locali (che giocano tutto il secondo tempo con un uomo in meno). Avvio deciso degli amaranto, che dopo aver sfiorato il gol con Carlini passano a condurre con un bel destro al volo di Cori: la squadra di casa è in forma, ma prima dell'intervallo Leccese si conquista un rigore (nell'occasione Panariello riceve il rosso diretto) e dal dischetto D'Agostino pareggia. Nel secondo tempo la Lupa prova ad approfittarne e si sbilancia, ma l'Arezzo riesce a difendersi e nel finale si rende pericoloso con un colpo di testa di Madrigali (bravissimo Mangiapelo).

Carrarese-Pistoiese 2-0
Due reti nel primo tempo, gestione del risultato nella ripresa: la ricetta della Carrarese per ottenere i tre punti è semplice, i marmiferi piegano 2-0 la Pistoiese e tornano a respirare il profumo dei playoff. La crisi degli arancioni, invece, pare irreversibile: la società avrà ancora pazienza con mister Alvini? I padroni di casa spezzano l'equilibrio al 20' con Infantino (assist di Gyasi), poi dopo la fiammata di Rovini al 31' arriva il 2-0 ad opera dello stesso Gyasi, il quale appoggia in rete indisturbato dopo la torre di Massoni. Nel secondo tempo i ritmi calano e la Pistoiese non riesce a rialzarsi: nel finale la squadra può battere un rigore (fallo di Dettori su Merini) ma non è serata e Sinigaglia fallisce.

Domenica 29 novembre

L'Aquila-Prato 2-0
Bastano tre minuti all'Aquila per disinnescare il Prato: gli abruzzesi confermano di vivere un buon periodo e vincono 2-0, contro una squadra reduce da tre successi ed un pareggio. Il primo tempo è decisamente equilibrato, al 31' Perna sfiora il gol con una conclusione che sfiora il palo ma è l'unica occasione di rilievo: il match non si sblocca, poi tra il 71' e il 74' i padroni di casa archiviano la pratica sfruttando l'asse Sandomenico Perna. Assist man il primo, goleador il secondo: lo schema funziona entrambe le volte e sul Prato cala il buio. L'Aquila vola così a quota 17, superando di un punto i lanieri.

Santarcangelo-Spal 0-2
Il riscatto della capolista: la Spal dimentica il ko contro il Pisa nel modo migliore, liquida 2-0 il Santarcangelo e torna ad aver un buon margine sulle inseguitrici, complice il ko della Maceratese. Gli estensi giocano con la maturità di una grande squadra, rischiano poco e colpiscono al momento giusto: nel primo tempo non accade nulla, poi al 42’ Zigoni intercetta la conclusione di Spighi e insacca. Nella ripresa i romagnoli di casa provano ad affacciarsi in avanti con più incisività, ma è sempre la Spal ad amministrare e dopo aver sfiorato il raddoppio con De Vitis (eccezionale Nardi) lo trova nel finale con il solito Zigoni, perfetto a trasformare in gol l’assist di Beghetto.

Teramo-Robur Siena 2-1
La legge del Bonolis affonda anche la Robur Siena: i toscani, reduci da due pareggi e due vittorie, cadono 2-1 in casa del Teramo e si allontanano così dalla zona playoff. Per gli aprutini, reduci da due pesanti sconfitte, arrivano invece tre punti fondamentali, che permettono loro di uscire dalla zona retrocessione: la gara è combattuta, i padroni di casa passano in vantaggio al 22’ con Di Paolantonio (conclusione imprendibile per Montipò) ma i bianconeri non ci stanno e pareggiano al 43’ con un delizioso pallonetto di La Vista. La squadra di Vivarini vuole ad ogni modo i tre punti e li trova al 57’ grazie alla rete di testa di Caidi: decisiva tuttavia la clamorosa papera di Montipò, il quale va a farfalle sul traversone di Di Paolantonio.

Pisa-Lucchese 2-1
Grande vittoria del Pisa che, in rimonta, supera 2-1 la Lucchese e si aggiudica il sentitissimo derby: gli uomini di Gattuso, dopo il bel successo con la Spal, riescono a dare continuità alla loro stagione. Ora i nerazzurri si trovano al terzo posto, staccati di una sola lunghezza dalla Maceratese, sconfitta in casa del Tuttocuoio. Succede tutto nella ripresa: a venti minuti dal termine cala il gelo all'Arena Garibaldi, con il gol di Terrani che porta avanti i rossoneri. Il Pisa però non si da per vinto e trova il pareggio all'83' grazie a Varela. Tre minuti dopo è di nuovo l'uruguaiano a firmare il gol del 2-1, che consegna i tre punti ai toscani nerazzurri.

{rec:16285}

Segnalazioni e Consigli. Scrivi alla  redazione di DataSport: segnalazioni@datasport.it