Lega Pro 2015/2016, Girone A: la sintesi della 20a giornata

2016-02-02 08:00:28
Pubblicato il 2 febbraio 2016 alle 08:00:28
Categoria: Notizie Lega Pro
Autore: Redazione Datasport.it

Sabato 30 gennaio

Lumezzane-Padova 0-2
Ottavo risultato utile consecutivo per il Padova, ma soprattutto vittoria per 2-0 a Lumezzane che riaccende le speranze di playoff: i patavini giocano una partita perfetta, segnano una rete per tempo e gettano in crisi i valgobbini, al quarto ko di fila (bresciani sempre più inchiodati alla zona retrocessione). La formazione di Pillon sblocca il punteggio al 19' con Neto Pereira (colpo di testa perfetto su corner di Ilari): la reazione dei padroni di casa è sterile, così nella ripresa il Padova amministra e a nove minuti dalla fine chiude i conti con un'incornata di Altinier, su punizione di Giandonato.

SudTirol-Pavia 1-1
Come da previsioni, Sudtirol e Pavia non vanno oltre l'1-1 e muovono entrambe la loro classifica (terza x di fila per gli altoatesini, quarta per i lombardi). Si tratta di una partita dai due volti, alla fine sono i padroni di casa ad uscire dal campo con più rimpianti: Pavia in vantaggio al 17' con un poderoso colpo di testa di Sforzini, ma il Sudtirol non ci sta e pareggia poco dopo con una magnifica sforbiciata di Spagnoli (primo centro nei professionisti per lui). Al 31' Sforzini prende il rosso diretto e lascia il Pavia in dieci: la formazione di casa prova ad approfittarne, colpisce un palo con Fink poi è Facchin a superarsi su Cia, ma l'1-1 resiste.

Pordenone-Mantova 1-0
Pordenone in serie B? Non è più un sogno irrealizzabile: i ramarri battono 1-0 il Mantova, centrano la quarta affermazione consecutiva e si portano a ridosso della zona playoff. I friulani trovano la rete decisiva al 12': è una giocata strepitosa di Strizzolo, il quale fulmina Pane dopo una grande cavalcata (e dopo aver resistito alla sportellata di Trainotti): i virgiliani cercano di reagire, Tripoli spreca un paio di buone occasioni mentre nella ripresa sono i neroverdi a mancare il raddoppio con Pederzoli (palo). Ennesimo ko per il Mantova, sempre più rivettato alla zona retrocessione.

Cuneo-Giana Erminio 2-2
Incredibile al Fratelli Paschiero: la sfida salvezza tra Cuneo e Giana Erminio si chiude sul 2-2, ma durante i novanta minuti succede di tutto. I lombardi sprecano un'occasione d'oro, perchè avanti 2-1 sprecano un rigore con Gasbarroni (episodio che avrebbe ucciso il match): Giana in vantaggio con Perico, il quale ribatte in gol la punizione di Gasbarroni che aveva colpito il palo, poi arriva l'1-1 di Chinellato (entrato da poco) ma al 77' Cogliati riporta avanti i biancoazzurri al termine di uno spunto personale incredibile (tre uomini saltati e Tunno aggirato). La Giana, come detto, sciupa poi un rigore cosi nel finale Chinellato si concede la doppietta complice la papera di Paleari.

Cittadella-Renate 4-2
Il Cittadella rispetta i pronostici e si sbarazza del Renate, ma il match è più complicato del previsto per la capolista: i nerazzurri, infatti, giocano con grande personalità e mettono alle corde una formazione sulla carta migliore. Dopo appena otto minuti i veneti sono in vantaggio 2-0, grazie alle reti di Bizzotto (conclusione sul primo palo) e Litteri (assist di Lora): sembra tutto in discesa, invece le pantere accorciano il gap prima dell'intervallo con Scaccabarozzi e poi trovano il 2-2 con una zuccata di Florian. Il match si accende: occasioni da una parte e dall'altra, poi al 71' Lora insacca la palla del 3-2 e nel recupero è Litteri a chiudere ogni discorso.

FeralpiSalò-Pro Patria 2-0
Tutto secondo i piani per la FeralpiSalò, che davanti al suo pubblico regola una Pro Patria comunque dignitosa. I salodiani faticano in avvio, poi al 44' Guerra riceve palla da Maracchi e fulmina il portiere: nella ripresa i bustocchi provano a spingersi in avanti (occasionissima per Marra), ma al 69' Pisani sbaglia tutto e così Tortori, solo davanti a La Gorga, ne approfitta. Quattordicesima sconfitta per i tigrotti, sempre più ultimi, mentre i gardesani tengono il passo del Cittadella e sognano i playoff.

Domenica 31 gennaio

Reggiana-Pro Piacenza 4-0
Reggiana esagerata: i granata vincono 4-0 il derby con il Pro Piacenza, ma è un risultato bugiardo in quanto gli ospiti subiscono ben tre reti nel finale di partita. Siega sblocca il punteggio al 34' con un bel destro (vantaggio meritato dei locali, sempre in pieno controllo) ma il Pro sfiora il pareggio con Orlando: situazione in bilico anche nella ripresa, poi all'85' Nolè firma il 2-0 e da li è un tripudio dei locali, che arrotondano con una doppietta di Arma (il secondo su calcio di rigore). Seconda vittoria di fila per la Reggiana, sempre più vicina alla zona playoff.

AlbinoLeffe-Bassano 0-0
Niente da fare per il Bassano: i giallorossi non riescono a sfondare la resistenza dell'AlbinoLeffe e vengono inchiodati sullo 0-0. Occasione persa per gli ospiti che con questo pareggio vedono complicarsi i piani playoff, facendosi superare dal Pordenone al quarto posto della graduatoria: 34 punti per i sorprendenti ramarri, 33 per il Bassano. Pesa, parecchio, l'assenza di Iocolano, ceduto all'Alessandria. Discorso differente per i seriani che continuano a rimandare l'appuntamento con la vittoria (l'ultima è datata 28 novembre): i punti sono 14 e domenica prossima c'è la sfida cruciale con la Pro Patria, fanalino di coda del raggruppamento.

Lunedì 1 febbraio

Cremonese-Alessandria 2-1
Inizia nel migliore dei modi l'avventura di Fabio Rossitto e Marco Sansovini con la Cremonese: il nuovo tecnico spinge i grigiorossi verso il 2-1 rifilato all'Alessandria nel monday night dello Zini, un successo che mancava addirittura dal 21 novembre. Eccellente, invece, il lavoro davanti del neoacquisto, che sblocca il punteggio dopo appena 13 minuti. I grigi, reduci dalla prestigiosa semifinale di Tim Cup col Milan, reagiscono e trovano il pari al 24' con Nicco, ma ad inizio ripresa Maiorino (49') fissa il punteggio: inutile il forcing finale degli ospiti, che scivolano così al sesto posto, a -6 dalla capolista Cittadella.

{rec:16284}