Iscrizioni, meno due al gong: in A tutto ok, in B Chievo, Trapani e Palermo pronte in extremis, in C ciao Albissola e Siracusa, tremano in 5

2019-06-23 12:21:37
Iscrizioni, meno due al gong: in A tutto ok, in B Chievo, Trapani e Palermo pronte in extremis, in C ciao Albissola e Siracusa, tremano in 5
Pubblicato il 23 giugno 2019 alle 12:21:37
Categoria: Notizie Calcio
Autore: Redazione Datasport

Come ogni anno, questo, per le società professionistiche, è il periodo della presentazione della documentazione necessaria per l'iscrizione al campionato di competenza. Quest'anno i termini sono anticipati e, soprattutto, in caso di bocciatura, il ricorso verterà sulla documentazione prodotta in sede di iscrizione. Giusto ricordare che la Covisoc darà il suo parere il 4 luglio, giorno 8 le bocciate possono fare ricorso, da quest'anno solo sulla documentazione che viene prodotta in sede di iscrizione, su cui la stessa Covisoc darà il suo parere l'11, poi 12 il Consiglio Federale emanerà gli organici dei campionati. 

Facendo un punto della situazione, in serie A nessuna ha problemi e quindi è tutto regolare. Per quanto riguarda la serie B, le tre criticità sembra si stiano risolvendo positivamente: il Chievo ha risolto le sue problematiche grazie al presidente Campedelli, il Palermo, attraverso la sua nuova dirigenza, ha immesso capitale fresco ed è pronto a completare gli adempimenti per lunedì, lo stesso dicasi per il Trapani che ieri è stato acquisito da Heller che ha pronta tutta la documentazione per iscriversi. In C, il punto dolente: l'Albissola, per la questione stadio, e il Siracusa, per problemi economici, hanno già salutato la compagnia. Tremano in 5: ad Arzachena, il presidente Fiorini ha annunciato che da solo non ce la fa più e, passando le ore, cresce il pessimismo, così come a Lucca, dove ci sono diversi problemi che possono impedire l'iscrizione dei toscani. Altre situazioni da monitorare sono a Foggia, dove si stanno cercando nuove risorse dopo l'addio dei Sannella, a Viterbo, dove Camilli ha annunciato il suo disimpegno e si è alla ricerca di un nuovo presidente a meno che Camilli stesso non ci ripensi, e a Rieti, dove Curci sta reperendo le ultime risorse prima di voler cedere la società. Sicuramente da qua a lunedì, colpi di scena non sono esclusi. Comunque sono quasi 40 le società di C che sono già a posto, mentre le altre sono pronte a chiudere la pratica nelle prime ore di lunedì. Capitolo riammissioni e ripescaggi: entro il 5 bisogna presentare la domanda corredata con le giuste garanzie economiche e infrastrastrutturali. In prima fila per il primo caso la Virtus Verona, poi Fano, ma il presidente vuole lasciare e non si sa nemmeno se si iscrive in D, Bisceglie e Paganese; per i ripescaggi pronte Cerignola e Modena.


Articolo a cura di Antonio Papale

 

Segnalazioni e Consigli. Scrivi alla  redazione di DataSport: segnalazioni@datasport.it