F1, GP Australia: le pagelle

2016-03-20 09:42:30
Pubblicato il 20 marzo 2016 alle 09:42:30
Categoria: Formula 1
Autore: Redazione Datasport.it

Guarda l'ordine d'arrivo del GP Australia

Mercedes 9.5
Subito dopo la partenza le Frecce d'Argento, superate di scatto dalle Ferrari di Vettel e Raikkonen, sarebbero da quattro. E invece la scuderia tedesca si riprende alla grande indovinando la strategia ai box dopo la sospensione della gara al 19esimo giro: ai box si decide infatti di montare le gomme medie per non fare più soste e la scelta paga con il sorpasso su Vettel che invece deve fermarsi al giro 35 per montare le soft. Risultato una doppietta straordinaria e per niente scontata per come si erano messe le cose dopo l'avvio.

Nico Rosberg 9
E tra i due litiganti, il terzo gode. Tutti a parlare del duello Hamilton-Vettel, dimenticando però che di top driver la Mercedes ne ha due. Astuzia al via (nei confronti di Lewis, s'intende), poi ritmo costante per tutta la corsa aspettando che la gara gli venga incontro, una mano dalla safety car ed ecco il primo centro 2016. Come un centravanti puro che riceve un solo pallone in tutta la partita ma non lo spreca.

Romain Grosjean 9
L'American Style ha sempre il suo fascino, figurarsi in un debutto così. Lui è super per tutta la gara, la squadra azzecca in pieno la strategia sfruttando al meglio la safety car, la macchina è tanto buona da permettergli di rimontare dalla penultima fila e tenersi dietro (apparentemente senza neanche troppi problemi, a dire la verità) macchine come Force India, Williams e Toro Rosso. Per dirla all'americana, una prima gara oh yeah.

Sebastian Vettel 8
Contento? Nì. Avrebbe firmato per avere una Ferrari così vicina alla Mercedes alla vigilia, ma viste come si erano messe le cose, un po' di rammarico ci sta ed è anche lecito. Pazienza se il risultato è come quello dello scorso anno, ciò che contava, la prestazione, si è vista e questa è la cosa più importante. Ha altri 20 Gp per rifarsi. E se corre così...

Daniel Ricciardo 8
Sceso dall'abitacolo i suoi dentoni brillano alla luce del tramonto, perchè la sua corsa è stata perfetta. La Rb12 è un'ottima macchina, ed anche la Power Unit Renault, pardon Tag-Heuer (non chiamatela Renault, sennò i bibitari si arrabbiano...), ha avuto i suoi miglioramenti. Se lui corre così e macchina e motori avranno i giusti sviluppi nel corso della stagione, qualche risultato importante arriverà.

Ferrari 7,5
Quanto è difficile avere una lettura univoca del fine settimana australiano. In qualifica il distacco resta, in gara la macchina invece è ottima, anche se sono da rivedere affidabilità (problema da non sottovalutare) e strategie del muretto. In generale comunque il Cavallino è ampiamente da promuovere, anche se è sembrato che ci fosse una tavola apparecchiata con qualcuno che però non ha voluto mangiare...

Toro Rosso 7
Vivissimi complimenti. La Str11 telaisticamente è un'ottima macchina, e lo dimostrano le qualifiche e la prima fase di gara. Peccato per la gestione del muretto, che sceglie una strategia non impeccabile e poi non riesce a gestire la situazione tra Sainz e Verstappen. Alla fine i 3 punti raccolti non rispecchiano il grande potenziale messo in mostra dalla squadra di Faenza, che dovrà lavorare meglio sulla lotta interna tra i suoi due arrembanti piloti.

Lewis Hamilton 7
Insomma, diciamo che non è una delle sue gare migliori. Male al via, sembra innervosirsi dietro a Verstappen, che non riesce a passare, quindi decide di azzardare le gomme medie, che si rivelano una scelta vincente in particolare quando esce la bandiera rossa. Bravo a gestire le gomme per così tanti giri, e bravo anche con il complimentarsi a fine Gp con Rosberg. E intanto abbiamo avuto un assaggio di un suo ipotetico duello con Vettel.

Kimi Raikkonen 7
Qualcuno gli vuole male... Ecco la solita sfortuna di Kimi, fuori dopo neanche metà gara. Diamo il voto per quanto visto fino a quando la Power Unit non lo ha abbandonato: fin lì aveva fatto vedere cose egregie, con una buona partenza (bravissimo a leggere la situazione alla prima curva) ed un ritmo non lontano da quello di Vettel. Un gregario di lusso insomma (almeno a Melbourne), che con una buona macchina saprà certamente far bene.

Williams 6
Sufficienza risicata, di più non si può dare. Questo perchè la Fw38, sul piano prestazionale, sembra dietro anche a Red Bull e Toro Rosso, ma almeno può contare sul motore Mercedes e sulla sua grande esperienza. Un 5° ed 8° posto sono buoni risultati, ma probabilmente si dovrà lavorare sodo per difendere la terza piazza nel Costruttori.

Renault 5
Che la casa francese partisse in salita lo sapevamo, e questo Gp è solo una conferma che l'obbiettivo più realistico è quello di lottare per la top ten. Però poteva anche andare peggio, perchè in fondo i francesi hanno utilizzato pochi gettoni per lo sviluppo (quindi hanno ampio margine di miglioramento per questa stagione) ed i piloti erano un debuttante ed un rientrante. Qualche Gp di rodaggio e poi forse vedremo la vera Renault.

{foto}