Editoriale: perchè la Juve non deve cedere Buffon

2011-01-14 21:14:05
Pubblicato il 14 gennaio 2011 alle 21:14:05
Categoria: Calciomercato
Autore: Redazione Datasport.it

Tratto dal blog di Xavier Jacobelli. Dopo sette mesi lastricati di tormenti e sofferenze, interventi chirurgici e lunghe riabiltazioni post-operatorie, Gianluigi Buffon è tornato a difendere i pali della porta bianconera. La vittoria sul Catania in Coppa Italia è stata netta e il capitano della Nazionale - la fascia gli è stata già assegnata da Prandelli che non vede l'ora di riabbracciarlo - è stato chiamato in causa una volta sola, cavandosela benissimo. Ma non è questo il punto. Il punto è che, a Torino, continuano a intensificarsi le indiscrezioni che vogliono Buffon via dalla Juve in giugno, destinazione Premier League. Già il fatto che la cessione del portioere sia stata sventata sul mercato invernale è una buona notizia. Ma siccome certe cose è meglio dirsele chiare prima, per non recriminare dopo, vorremmo dire alla Juve di non commettere un errore che sarebbe tanto marchiano quanto imperdonabile: rinunciare a Buffon. Zoff ha ragione e, se lo dice lui, non ci possono essere obiezioni: "Quando Gigi è al cento per cento è sempre il migliore del mondo".  L'ex ragazzo di Carrara compirà 33 anni a fine mese e, a occhio e croce, ha davanti a sè ancora molte stagioni da protagonista. Insegue l'Europeo 2012 e il mondiale 2014, ha bisogno della Juve nela stessa misura in cui la Juve ha bisogno di lui.  Storari è stato bravissimo nel girone d'andata, ma, adesso, tocca al campione del mondo 2006. La Juve doveva essere rifondata e lo è stata, anche se i risultati sinora sono stati inferiori ale attese, ma, anche in questa stagione e nelle prossime non può prescindere da Buffon. Venderlo, sarebbe un disastro.