Champions, Bayer Leverkusen-Roma: formazioni, diretta, pagelle. Live

2015-10-21 08:00:27
Champions, Bayer Leverkusen-Roma: formazioni, diretta, pagelle. Live
Pubblicato il 21 ottobre 2015 alle 08:00:27
Categoria: Serie A
Autore: Redazione Datasport.it

Rivivi le emozioni di Bayer Leverkusen-Roma: cronaca, pagelle e tabellino

Partita incredibile alla BayArena, valida per la terza giornata del girone E di Champions League: la Roma è protagonista di un rocambolesco 4-4 sul campo del Bayer Leverkusen. Pareggio ricco di rimpianti visto lo svolgimento della gara: giallorossi subito sotto di due reti (due volte Hernandez), quindi la doppietta di De Rossi riapre i giochi prima dell'intervallo. Pjanic firma il sorpasso, Iago Falque sembra scrivere la parola fine, quindi il crollo: a segno Kampl e Mehmedi fra l'84' e l'86'. Nel finale gli uomini di Garcia rischiano addirittura di capitolare, ma il Chicharito manca il gol del ko. La Roma è ultima in classifica con 2 punti (a -1 dal Bate), il Bayer è secondo a quota 4, dietro al Barcellona (7 punti): gli ottavi di finale si allontanano.

Niente Dzeko e niente Kiessling, Garcia si affida alla coppia Gervinho-Salah, mentre Schmidt schiera Hernandez assistito da Calhanoglu. L'avvio è una doccia fredda per la Roma: il gioiellino turco mette al centro e Torosidis tocca con il braccio. Kassai prima lascia proseguire, poi su segnalazione di un assistente, decreta il penalty: dal dischetto Hernandez non sbaglia. Il raddoppio non tarda ad arrivare: Digne si fa rubar palla dal Chicharito, quindi Calhanoglu s'inventa un filtrante per il messicano che prima si fa respingere la conclusione da Szczesny, poi sulla respinta firma il 2-0. Giallorossi all'inferno? No, De Rossi sfodera il carattere e porta i suoi al pareggio. Prima il capitano sfrutta una torre di Manolas al 29' insaccando da distanza ravvicinata, poi con un tocco di coscia su punizione di Pjanic trova il 2-2 che manda le squadre al riposo.

Nella ripresa i giallorossi mettono in mostra grandi qualità: la Roma c'è e fa vedere di che pasta è fatta. Al 54' arriva la quarta gemma stagionale su punizione di Pjanic, sempre più fenomeno dei calci da fermo, che fulmina Leno. Si aprono gli spazi e i centometristi capitolini vanno a nozze: partecipa alla festa tedesca anche Iago Falque, entrato per Salah, che al 73' sancisce il 2-4 spendidamente servito dall'imprendibile Gervinho. Sembrano calare i titoli di coda su una serata inziata come un incubo e conclusasi nel migliore dei modi, ma il Bayer non accetta il ruolo di vittima. A rimettere in carreggiata le Aspirine è una prodezza di Kampl: dribbling e bordata mancina da fuori area che non lascia scampo a Szczesny per il 3-4, quindi cento secondi dopo succede ciò che non ti aspetti. Ingenuità in ripartenza, Kampl trova il filtrante per Wendell, cross dalla sinistra e tocco sottoporta di Mehmedi, dimenticato da Digne. E' il 4-4 finale: anzi, c'è ancora tempo per una palla gol sprecata da Hernandez, che calcia fuori da ottima posizione all'ultimo secondo.

Segnalazioni e Consigli. Scrivi alla  redazione di DataSport: segnalazioni@datasport.it